FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brescia, uccisero cane a bastonate: padre e figlio assolti anche in appello

Anche in secondo grado il giudice ha ritenuto che "il fatto non sussiste" perché i due agirono per "stato di necessità" dopo lʼaggressione da parte dellʼanimale

La vicenda dell'uccisione a bastonate di un meticcio suscitò nel 2014 grande scalpore in Valcamonica. I due ritenuti responsabili, padre, allora 80enne, e figlio, allora 49enne, entrambi allevatori di Breno (Brescia), furono individuati grazie alle foto scattate da lontano da un escursionista. A processo, quattro associazioni animaliste si erano costituite parte civile e. dopo la prima assoluzione perché "il fatto non sussiste". una di esse era ricorsa in appello. Fino alla sentenza di secondo grado: "Assoluzione perché i due agirono in stato di necessità dopo l'aggressione del cane".

Breno, uccidono cane a bastonate: assolti anche in appello padre e figlio allevatori

I carabinieri della cittadina bresciana avevano individuato i colpevoli grazie alle foto scattate da un turista. I due, oggi uno 85enne, l'altro 54enne, sono stati assolti anche in secondo grado

leggi tutto

Come riferisce Qui Brescia, in primo grado il giudice aveva assolto entrambi gli uomini perché "il fatto non sussiste", accogliendo la tesi della difesa per la quale padre e figlio avevano agito per difendersi dopo che l’animale aveva aggredito il più giovane.

E l'assoluzione è arrivata anche in secondo grado, anche se l'accusa aveva chiesto 4 mesi per entrambi. Per il giudice si trattò di "stato di necessità".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali