FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bocciato alle medie, promosso dai giudici: non valutare solo il rendimento

Il ragazzino potrà ora frequentare la seconda classe, anche se le lezioni sono cominciate da due mesi. "Il giudizio faccia riferimento a periodi più ampi del singolo anno scolastico", si legge nella sentenza

scuola generica, banchi, classe

Bocciato dai professori, promosso dai giudici. Protagonista uno studente cremonese delle medie. Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato dal legale del padre contro il Miur e la scuola. Secondo i giudici, non è possibile bocciare in prima media, almeno non per ragioni legate al rendimento. "L'ammissione alla classe successiva - spiegano - è possibile anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento".

Il ragazzino potrà quindi decidere di frequentare la seconda media, anche se le lezioni sono cominciate ormai da due mesi. A stabilirlo, si legge sulla Provincia di Cremona, è l'ordinanza della sesta sezione del Consiglio di Stato, che sancisce di fatto il principio secondo cui non è possibile bocciare un ragazzo in prima media. 

 

Ecco la motivazione della sentenza: "L'ammissione alla classe successiva nella scuola secondaria di primo grado deve fondarsi su un giudizio che faccia riferimento a periodi più ampi rispetto al singolo anno scolastico, anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento attesi in una o più discipline". 

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali