FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Baby gang a Varese, il padre: "Perdono chi ha torturato mio figlio"

"So che significa essere in pensiero per il futuro dei propri ragazzi. Aguzzini vengano aiutati". I 4 sono stati condannati per tortura e ora devono scontare la pena in regime di permanenza in comunità

Baby gang a Varese, il padre: "Perdono chi ha torturato mio figlio"

"Alla fine, l'unica cosa davvero importante è che questi ragazzi vengano aiutati. Sono un padre e so cosa vuol dire essere in pensiero per il futuro dei propri figli". Lo afferma al Corriere della Sera il padre del 15enne che è stato segregato, legato e picchiato da 4 coetanei nel novembre scorso a Varese. Il genitore ha saputo perdonare il gesto che va al di là del bullissmo.

I 4 sono stati condannati per tortura dal Tribunale dei minori di Milano: il "capo" banda a 4 anni e sei mesi e 1.500 euro di sanzione e gli altri a 4 anni e 1.200 euro di sanzione. E ora devono scontare la pena in regime di permanenza in comunità.

L'uomo ha saputo perdonare e ribadisce che "non è presto, e lo dico chiaramente: da padre, li perdono. E spero che si ravvedano. L'unica cosa che avrei preferito, è che tutte le condanne fossero state uguali, perché per me sono tutti responsabili allo stesso modo".

La vittima dell'aggressione, racconta il papà "ora sta bene, è stato promosso, va bene a scuola. Adesso forse riusciremo ad andare in vacanza. E spero che dimentichi presto questa vicenda che poteva finire molto, ma molto peggio". Il giovane subito dopo il caso era stato ricoverato nel reparto di neuropsichiatria infantile per alcuni giorni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali