FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Liliana Segre interromperà da aprile i suoi incontri nelle scuole | Il figlio: "La sua testimonianza proseguirà"

Lʼultimo appuntamento della senatrice con i ragazzi sarà ad Arezzo, dove racconterà per lʼultima volta la sua terribile esperienza ad Auschwitz. Lo stop deciso per limiti dʼetà

 liliana segre

Liliana Segre, 89 anni, dovrà sospendere gli incontri con le scuole per limiti d'età. Il suo ultimo appuntamento con gli studenti sarà ad aprile, ad Arezzo. Deportata nel campo di Auschwitz nel 1944, la senatrice ha girato per anni le scuole raccontando la sua terribile esperienza nel lager nazista. Il figlio Luciano Belli Paci ha spiegato che "dopo 30 anni di appuntamenti è provata", ma "continuerà a testimoniare la sua esperienza".

A lungo, dopo essere stata deportata ad Auschwitz, la senatrice non aveva voluto dire nulla degli orrori a cui aveva assistito. Dopo essere diventata nonna e dopo essersi accorda di "non provare odio ma pietà" per i suoi aguzzini, aveva deciso di dire a tutti quelli che l'avrebbero voluta ascoltare cosa aveva vissuto in quel campo. 

 

Ha girato molte scuole, ha risposto alle domande dei ragazzi, ha cercato di chiarire loro gli orrori dei lager. Una lunga serie di incontri con i ragazzi che si concluderà quindi tra pochi mesi, con l'appuntamento di Arezzo. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali