FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Cronaca >
  • Liguria >
  • Ventimiglia, sei casi di scabbia tra migranti Papa: Dio perdoni chi non accoglie rifugiati

Ventimiglia, sei casi di scabbia tra migranti Papa: Dio perdoni chi non accoglie rifugiati

L'appello del Pontefice: "Non chiudete le porte". La replica di Salvini: "Quanti rifugiati ci sono in Vaticano?"

- Sono sei i casi di scabbia accertati tra i migranti che si trovano da cinque giorni sugli scogli di Ventimiglia, al confine con la Francia. I sei migranti vengono curati dai medici della Croce Rossa. Papa Francesco si schiera con i profughi: "Chiediamo perdono per chi chiude la porta ai rifugiati". Secca la replica del leader della Lega Nord, Matteo Salvini: "Non ne abbiamo bisogno".

    Il Pontefice ha auspicato che "la comunità internazionale agisca in maniera concorde e efficace per prevenire le cause delle migrazioni forzate". E ha voluto ricordare i tanti che cercano "rifugio lontano dalla loro terra" e "una casa dove poter vivere senza timore, perché siano sempre rispettati la loro dignità".

    "Vi invito tutti - ha aggiunto il Papa a braccio nel suo appello per la Giornata dei rifugiati - a chiedere perdono per le persone e le istituzioni che chiudono la porta a questa gente che cerca vita, una famiglia, che cerca di essere custodita".

    Il Papa: perdono per chi rifugia i migranti

    di Alessandra Buzzetti

    Immediata la replica di Matteo Salvini. "Quanti rifugiati ci sono in Vaticano? Il problema è che i rifugiati sono un quarto di quelli che arrivano, noi non abbiamo bisogno di essere perdonati", ha detto a Radio Padania il segretario del Carroccio. "Sono curioso di vedere se a Torino incontrerà qualche sfrattato torinese", ha aggiunto.

    La polizia francese, intanto, ha intensificato i controlli in frontiera alla stazione di Menton-Garlaven e alla barriera autostradale de La Turbie. Alla stazione di Garlaven vengono fermati tutti i treni provenienti dall'Italia ed eseguiti i controlli dei documenti.

    Secondo quanto appreso da fonti della polizia francese, sui binari che passano dalla zona di confine di Punte San Ludovico, già in territorio francese, è stato collocato un rilevatore acustico per impedire il passaggio a piedi lungo la strada ferrata.

    Ancora tensioni a Ventimiglia

    di Antonio Bartolomucci

    TAG:
    Cronaca ventimiglia
    Francia
    Giornata dei rifugiati
    Papa Francesco