FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lecce, finisce di scontare la pena ma non vuole lasciare il carcere: "Non ho nessuno"

La polizia penitenziaria gli ha però trovato una struttura: i sanitari di una casa di cura sono pronti ad accoglierlo

carcere carceri cella celle generica regina coeli detenuti

Ha pagato il suo conto con la giustizia scontando la pena, ma non vuole lasciare il carcere perché non sa dove andare. E' la storia di un carcerato della casa circondariale di Lecce (sezione per il trattamento dei detenuti psichiatrici) raccontata dal sindacato di polizia penitenziaria Uil-Pa e riportata dalla Gazzetta del Mezzogiorno. Fortunatamente, la polizia penitenziaria gli ha trovato una struttura: i sanitari di una casa di cura si prenderanno cura di lui.

Tutto è iniziato quando sono iniziate le operazioni di dimissione dal carcere. Il detenuto si è sdraiato per terra, ha chiuso gli occhi e non ha più parlato. Il personale medico e paramedico è subito intervenuto pensando a un malore, ma i parametri vitali erano buoni. Non voleva andare via.  L'uomo ha una famiglia, che però non può accoglierlo. Così, gli operatori si sono adoperati in tutti i modi per trovare una soluzione. 

 

Poi il lieto fine: viene trovata una struttura di diagnosi e cura disposta ad accoglierlo. Ora l'uomo è libero, ha lasciato il carcere e non sarà più solo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali