FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strage di Latina, Antonietta riprende conoscenza

La mamma di Martina e Alessia, ferita per prima dal marito suicida Luigi Capasso, operata al volto, è ricoverata al San Camillo di Roma

Riuscita l'operazione di rimozione del proiettile dal volto, Antonietta Gargiulo, la 39enne di Melito (Napoli), madre di Alessia e Martina, che il marito Luigi Capasso ha ucciso prima di suicidarsi, riprende lentamente conoscenza, dopo giorni di coma indotto. Al suo capezzale, al San Camillo di Roma, si stringono i suoi familiari che l'hanno raggiunta dalla Campania immediatamente dopo la strage di Latina compiuta dal carabiniere. La donna, ferita gravemente con tre colpi di pistola, resta in prognosi riservata, ma sarebbe fuori pericolo. E non le è stata rivelata l'amara verità della morte delle due figlie per mano di quell'uomo dal quale si stava separando.

Antonietta Gargiulo non respira ancora autonomamente, non può parlare ma risponde agli stimoli esterni di sanitari e parenti. Il fratello e le sorelle che le stanno attorno, hanno iniziato a parlarle di quanto successo, ma non sa che le sue figlie non ci sono più, sterminate dalla vendetta del marito che non accettava la separazione. L'udienza si sarebbe dovuta tenere tra tre settimane.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali