FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Scritte no vax sul muro dello Spallanzani di Roma, Speranza: "Fatto inquietante, i vaccini hanno salvato vite"

Sull'episodio sono al lavoro carabinieri, polizia e agenti della scientifica che hanno effettuato un primo sopralluogo e i rilievi di rito

Roma, scritte no vax sul muro dell'ospedale Spallanzani

Alcune scritte no vax sono apparse sui muri dell'istituto Spallanzani a Roma.

"Propaganda vaccinale per diritti e libertà atto criminale", "i vaccini uccidono", "vaccino di Stato sterminio legalizzato" e "vaxate i bambini siete mostri e assassini", si legge all'esterno della struttura ospedaliera. Immediata la presa di posizione del ministro della Salute, Roberto Speranza, secondo cui "le scritte intimidatorie rappresentano un fatto inquietante".


"I vaccini hanno salvato milioni di vite" -

Il ministro Speranza ha quindi espresso "vicinanza e solidarietà ai medici, agli infermieri e a tutti i professionisti che vi lavorano e che sono stati protagonisti nella lotta contro la pandemia. Non dobbiamo dimenticare mai che la campagna vaccinale in tutto il mondo ha salvato la vita a milioni di persone".


 


Le indagini -

Sull'episodio sono al lavoro carabinieri, polizia e agenti della scientifica che hanno effettuato un primo sopralluogo e i rilievi di rito.



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali