FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, stabile occupato da CasaPound: 330mila euro di debiti da pagare

Come per lʼedificio "salvato" dal cardinal Krajewski, Acea attende che ci si metta in regola con le bollette

Roma, stabile occupato da CasaPound: 330mila euro di debiti da pagare

A un chilometro di distanza dallo stabile occupato da decine di famiglie cui l'intervento dell'elemosiniere del Papa, padre Konrad Krajewski ha ridato luce e acqua, c'è quello occupato da CasaPound. Anche qui risultano bollette non pagate per un ammontare di 300mila euro ma ci sono elettricità, gas e acqua calda, nonostante un atto di pignoramento controfirmato dal tribunale civile.

Dopo 15 anni di occupazione, ricorda Repubblica, lo spettro dello sgombero è ancora lontano. Il palazzone all'Esquilino di proprietà del Demanio, in passato affidato al Miur, non è tra le 20 urgenze, non è quindi tra i 20 immobili che la prefettura vuole sgomberare al più presto. Così nello stabile alle spalle della stazione Termini la vita continua a scorrere tranquilla, come la corrente elettrica.

L'unica speranza per Acea, che attende il pagamento delle bollette arretrate, è quella di entrare nei flussi finanziari di CasaPound, di mettere le mani nei crediti che la formazione guidata da Gianluca Iannone ha già o potrà avere nei confronti di altri enti pubblici e società.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali