FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, non può andare scuola a causa dei bimbi no vax: interviene la Regione

La vicenda riguarda un bimbo di 8 anni che è stato sottoposto alla chemioterapia per curare la leucemia e quindi è immunodepresso. Il governatore del Lazio Nicola Zingaretti: "Questa storia è assurda"

Dopo essere stato sottoposto alla chemioterapia per curare la leucemia, un bimbo di 8 anni non può tornare a scuola perché 5 compagni non sono vaccinati, e quindi potenzialmente pericolosi per la sua salute. Per risolvere la questione è intervenuta la Regione Lazio che "ha chiesto alla Asl Roma 2 di attivarsi presso la dirigenza scolastica per verificare le condizioni di accesso a scuola in piena sicurezza per il bambino immunodepresso".

A parlarne è l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato che fa riferimento a una vicenda, pubblicata stamattina dal Corriere della Sera, che vede protagonista un bambino di otto anni, che dopo una leucemia ha sviluppato una immunodepressione. Ma non può tornare a scuola perché nella sua classe, riporta ancora il quotidiano, ci sono cinque alunni non vaccinati, di cui "due figli di mamme che si dichiarano no vax".

Il bambino non può essere sottoposto a vaccinazioni per cui il contatto con una malattia potrebbe essergli fatale. I genitori hanno incontrato la preside e hanno diffidato la scuola, nel quartiere di San Giovanni di Roma; sempre stando al quotidiano i dati Asl segnalerebbero che il 30 per cento dei bambini di quell'istituto sarebbero non vaccinati. "Sicuramente troveremo le condizioni per fare tornare a scuola il bambino. Sto seguendo la vicenda da tempo e sto facendo quello che la legge mi dice fare: entro il 10 marzo le persone che devono regolarizzare la loro posizione in materia vaccinale mi presenteranno la documentazione, pena una multa comminata dall'autorità sanitaria come prevede la legge", ha affermato la preside.

"E' un fatto di civiltà - ha poi detto l'assessore D'Amato - Non possiamo accettare che il piccolo non possa frequentare regolarmente le lezioni con i suoi amici e con i suoi insegnanti perché non sussiste una situazione di sicurezza per la sua salute. La Asl Roma 2 attiverà tutte le procedure previste dalla legge in accordo con l'autorita' scolastica per richiamare le famiglie dei bambini ancora non vaccinati e fornire loro tutte le informazioni necessarie in merito all'assoluta sicurezza dei vaccini. Se persisterà una situazione che pregiudica il diritto ad accedere a scuola in piena sicurezza per la salute del bambino di 8 anni - ha concluso - scatteranno le sanzioni pecuniarie previste dalla normativa. Confidiamo nel buonsenso e ci auguriamo di non essere costretti a utilizzare tutti gli strumenti di legge".

Nicola Zingaretti: "Storia assurda" - "Questa storia è assurda! Come Regione Lazio faremo di tutto affinché questo bambino possa tornare a scuola il prima possibile. È una questione di civiltà!", ha osservato su Facebook il presidente della Regione, Nicola Zingaretti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali