FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Prostitute uccise a Roma, il mistero dell'auto di De Pau trovata in un deposito | Il 51enne cercò un passaporto falso per fuggire

Alla polizia locale non risulta la rimozione della vettura: si ipotizza, quindi, che qualcuno possa aver aiutato il 51enne

Continuano le indagini sulla morte delle tre prostitute a Roma, nel quartiere Prati.

Molti i punti che Giandavide De Pau, il 51enne attualmente in carcere in stato di fermo con l'accusa di omicidio plurimo aggravato, deve ancora chiarire agli inquirenti. L'ultimo riguarda la sua auto, trovata in un deposito della Capitale. La Toyota IQ è stata portata lì dopo che l'uomo è rimasto coinvolto, nelle ore successive ai delitti, in un incidente stradale. Ora si tratta di capire come e chi sia intervenuto per far arrivare la vettura in quel luogo. Alla polizia locale non risulta infatti la sua rimozione. Si ipotizza, quindi, che qualcuno possa quindi aver aiutato De Pau a nascondere l'auto.

 

Gli uomini della Scientifica hanno da subito avviato una serie di rilievi sul mezzo con un duplice obiettivo: tentare di individuare l'arma utilizzata dal romano per uccidere le tre prostitute e individuare tracce ematiche da analizzare al fine di rendere ancora più grave l'impianto probatorio a carico dell'indagato in vista dell'interrogatorio di convalida davanti al gip previsto entro mercoledì 23 novembre nel carcere di Regina Coeli, dove il pregiudicato è stato trasferito al termine dell'interrogatorio fiume di sabato in Questura.

 

 

Ma non solo. Sempre nelle ore successive agli omicidi, De Pau voleva scappare all'estero e far perdere le proprie tracce. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il 52enne avrebbe cercato in cambio di denaro di ottenere da una donna cubana un passaporto per lasciare l'Italia.

 

Al momento ci sono però poche certezze. Tra queste il fatto che De Pau è arrivato in via Riboty, la mattina di giovedì 17 novembre, a bordo della sua auto dopo avere trascorso la notte precedente con una donna cubana con cui ha consumato droga. Nell'appartamento i primi due delitti, vittime due donne cinesi, massacrate durante un rapporto sessuale. Una delle due, la più giovane, inseguita sul pianerottolo e colpita con stilettate al fianco e alla schiena. Grazie alle testimonianze raccolte da Il Messaggero, si sa che una delle due prostitute si faceva chiamare Lia, evidentemente l'italianizzazione del suo vero nome, e lavorava in quell'appartamento da circa dieci anni, gestendo anche altre ragazze che ruotavano di continuo. Un cliente abituale ha raccontato che la donna aveva un figlio e che a gennaio sarebbe dovuta tornare in Cina per incontrarlo.

 

De Pau, dopo avere dimenticato il cellulare nell'appartamento, è salito a bordo dell'auto e ha raggiunto via Durazzo, distante appena 850 metri. Lì viene immortalato in alcuni video mentre entra nel seminterrato di Martha Castano, prostituta colombiana di 65 anni. La donna viene colpita, dinamica identica a quanto avvenuto pochi minuti prima, probabilmente perché, riporta Il Corriere della Sera, si rifiuta di aiutare l'uomo.

 

 

In base alla ricostruzione di chi indaga, l'ex autista del boss di camorra Michele Senese risale sull'auto e si dà alla fuga. "Ho vagato per due giorni senza mangiare e dormire ma non ricordo nulla, non ricordo di via Durazzo", ha raccontato agli uomini della Squadra Mobile l'indagato. Nel corso della fuga, De Pau è coinvolto in un incidente, la conferma è arrivata da una primissima analisi dell'auto che presenta numerose ammaccature. Ad avvalorare questo episodio anche il fatto che nel corso dell'interrogatorio De Pau ha affermato di avvertire un dolore allo sterno e chiesto di potere fare una radiografia per sospetta frattura di una costola. Non è chiaro, però, se in quelle ore abbia contattato la donna cubana, la cui posizione non è al momento al vaglio, con cui aveva trascorso la notte tra il 16 e il 17 novembre per chiederle aiuto.

 

Di sicuro ha chiamato la sorella. Una telefonata che, di fatto, ha indirizzato le indagini. Un breve colloquio durante il quale il 51enne le fa capire "di avere combinato un casino". La donna allerta quindi i carabinieri che trasmettono l'informazione alla polizia. Nel frattempo De Pau, con indosso ancora i vestiti sporchi di sangue, sale a bordo di un taxi e raggiunge la casa della madre dove viene poi prelevato, intorno alle 6 del mattino, dagli agenti. 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali