FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nozze con migranti per permesso di soggiorno, indaga lʼAntiterrorismo

Lʼorganizzazione recluterebbe spose italiane in mense per poveri e case occupate a Roma, pagandole fino a 4mila euro. Rischio di infiltrazioni

Nozze con migranti per permesso di soggiorno, indaga l'Antiterrorismo

La Sezione Antiterrorismo della Questura di Roma ha avviato una serie di indagini su alcuni matrimoni che sarebbero stati combinati tra immigrati e italiani indigenti, per avere il permesso di soggiorno. L'obiettivo degli inquirenti è di scongiurare il rischio di infiltrazioni terroristiche attraverso nozze di comodo. L'organizzazione recluterebbe spose italiane in mense per poveri e case occupate a Roma, pagandole fino a 4mila euro.

Due giorni dopo l'attentato a Il Cairo del 11 luglio all'organizzazione clandestina sarebbero arrivate due richieste urgenti con offerte di pagamento raddoppiate, in particolare quelle di un siriano, che ha concluso la trattativa mentre era in attesa nel deserto.

In generale, le tariffe pagate dagli stessi immigrati alla rete clandestina che combina i matrimoni sono di alcune migliaia di euro. Alla futura sposa italiana viene fornito un biglietto aereo per l'Egitto, dove vengono celebrate le nozze, spesso prima con rito religioso copto o cattolico, poi avviene la registrazione del matrimonio nel Paese di origine e in Italia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali