FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto Sara Di Pietrantonio, giudice: fu uccisa perché rifiutava il dominio sulla sua vita dellʼex

Vincenzo Paduano nel 2016 strangolò e poi diede alle fiamme Sara Di Pietrantonio, 22 anni

Sara "rifiutava di riconoscere il ruolo di padrone della sua vita in Vincenzo Paduano". Così il giudice di Roma nelle motivazioni per l'ergastolo di Vincenzo Paduano, il vigilantes di 27 anni che nel 2016 strangolò e poi diede alle fiamme Sara Di Pietrantonio, 22 anni, "colpevole" di voler rifarsi una vita da sola senza di lui. Gli "atti persecutori" iniziarono con il  controllo ossessivo del profilo Facebook e del cellulare della vittima.

Gli atti persecutori continuarono con il danneggiamento dell'auto di Alessandro (il nuovo ragazzo di Sara) "con l'unico scopo di punirlo e farlo soffrire, la sottrazione del cellulare a Sara e delle chiavi della sua auto, l'irrorazione della macchina di Sara con il liquido infiammabile preparato per tale aggressione mortale".

"L'aver bagnato Sara con lo stesso liquido al volto" e infine "l'aggressione fisica, il soffocamento e il trascinamento del cadavere su un letto di foglie" dove poi Paduano diede fuoco al corpo della giovane che secondo i medici era già morta a causa di "asfissia meccanica violenta, compatibile con uno strangolamento perpetrato mediante compressione atipica del collo".

La premeditazione di Paduano - Lui scrisseo a Sara: "Ti rovino la vita a te e a lui! Tu devi soffrire come stai facendo soffrire me", e ancora prima del delitto aveva preparato due diverse bottiglie piene di alcol per danneggiare sia la macchina di Sara sia quella di Alessandro. E ancora la frase ormai nota scritta dall'omicida su Facebook: "Quando il marcio è radicato nel profondo, ci vuole una rivoluzione, tabula rasa. Diluvio universale".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali