FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, strangolò e diede fuoco allʼex fidanzata: arriva la confessione di Vincenzo Paduano

A sette mesi dallʼomicidio di Sara, il vigilantes in attesa di rinvio a giudizio ammette per la prima volta dal carcere le sue responsabilità

"Non avrei mai voluto ucciderla, ma l'ho fatto: non ero in me". E' così che Vincenzo Paduano ammette di aver ucciso l'ex fidanzata, Sara Di Petrantonio. Il vigilantes di 26 anni è in carcere con l'accusa di omicidio premeditato: avrebbe strozzato la ragazza per poi darle fuoco. L'uomo non accettava la fine della sua storia con Sara e l'ennesimo rifiuto da parte della giovane avrebbe fatto scattare il raptus. La confessione di Paduano è arrivata a ridosso del rinvio a giudizio ma è improbabile che modifichi l'imputazione.

"Non volevo farle del male" - La tragedia avvenne il 9 maggio scorso nel quartiere romano della Magliana: in una strada isolata l'ex fidanzato costrinse Sara a fermare l'auto che stava guidando. La rottura tra i due era avvenuta da alcune settimane ma il vigilantes non si arrrendeva: la giovane, però, l'ha respinto ancora una volta. A quel punto Paduano ha perso la testa e l'ha uccisa.

"Poi sono scappato" - Dopo il delitto l'uomo confessa di essere poi ritornato a lavoro per non destare sospetti. Paduano fu arrestato e accusato dell'omicidio: ora è in attesa del rinvio a giudizio dove dovrà rispondere di omicidio, occultazione di cadavere e stalking.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali