FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

L'allarme degli anestesisti: "I nuovi casi di Covid non sono meno gravi rispetto a quelli di marzo e aprile" 

Il presidente nazionale di Aaroi-Emac: "Non ci convince quanto detto da alcuni che il virus sia diventato meno aggressivo"

Coronavirus, a Fiumicino inaugurato il più grande drive-in d'Italia per eseguire i tamponi

E' stato inaugurato a Roma, presso l'aeroporto di Fiumicino, il più grande drive-in d'Italia per eseguire i tamponi rapidi per individuare i casi di Covid-19. E' attrezzato con sei check-point sanitari per il prelievo dei campioni e può accogliere fino a 130 autovetture. Il risultato dei test viene comunicato tramite sms in meno di mezz'ora.  

"La curva epidemica si sta alzando e così anche il numero di persone ricoverate in terapia intensiva. E i malati di Covid-19 che vengono ricoverati in questi reparti non sono meno gravi di quelli arrivati a marzo o aprile". A lanciare l'allarme è Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani. "Non ci convince quanto detto da alcuni che il virus sia diventato meno aggressivo", aggiunge.

Secondo Vergallo, "la curva epidemica sta risalendo, così come i casi in terapia intensiva, che hanno un'età media più bassa. Per fortuna siamo lontani dal livello di allarme rosso dei mesi di marzo e aprile, grazie al contenimento sociale".

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali