FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La processione si ferma davanti alla casa di un boss detenuto: è polemica

È accaduto a Villafrati, in provincia di Palermo. Il maresciallo e il sindaco si sono subito allontanati

A Villafrati, in provincia di Palermo, l'arciprete, don Guglielmo Bivona, ha fermato la processione del "Corpus Domini" davanti alla casa di un boss in carcere, Ciro Badami, uno dei fedelissimi di Bernardo Provenzano. La sosta, non prevista e decisa dal sacerdote, ha scatenato non poche polemiche. Il maresciallo e il sindaco si sono subito allontanati dalla processione. Inoltre, il caso, ricostruito da La Repubblica Palermo, è stato segnalato alla procura, al prefetto, e all'arcivescovo del capoluogo siculo.

Il don ha anche scambiato un saluto con la moglie del boss. "Se quel sacerdote fosse stato un mio assessore lo avrei già cacciato" - commenta il sindaco di Villafrati Francesco Agnello, alla guida di una giunta di centrosinistra - Io non so se il sacerdote sapesse o meno che quella è l'abitazione di un mafioso condannato: c'era la porta aperta, accanto era stato sistemato un piccolo altare. Ma non ci possono essere equivoci davanti a certe situazioni. E Villafrati ha fatto ormai da anni delle scelte chiare, che non cambieranno di certo per i comportamenti di poche persone".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali