FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La figlia muore a 24 anni per un tumore: il padre trasforma la sua tesi in un libro

"Il cibo ideale" sarà presentato lʼ8 giugno a Fano. La ragazza, sosteneva che attraverso lʼalimentazione si potesse migliorare il malessere di chi era sottoposto a chemioterapia

Francesca Pirozzi stava scrivendo la sua tesi di laurea sull'alimentazione nei pazienti in chemioterapia. Un argomento che conosceva bene: da tempo era in cura al reparto di Ematologia dell’ospedale "San Salvatore" di Pesaro a causa di un Linfoma di Hodgkin. Avrebbe voluto che il suo lavoro diventasse un libro, ma non ha fatto in tempo a completarlo. E’ morta nell'agosto del 2016, a soli 24 anni. Ma il padre ha deciso di portare a termine il progetto e l'8 giugno sarà presentato il volume "Il cibo ideale", in onore di Francesca.

 

Il libroSarà presentato a Fano, alla Fondazione Cassa di Risparmio, da Marco Pirozzi, il padre, e Marina Magini, sua compagna nonché medico legale. Quello che Francesca voleva spiegare è che attraverso l'alimentazione si può controllare il malessere procurato da un tumore e della relative cure, che spesso sono molto invasive. Fra le pagine sono raccolte esperienze che possono essere utili al malato e consigli di esperti, come Giorgio Calabrese, nutrizionista, e Luca Imperatori, oncologo. Ma anche ricette di chef stellati, da Mauro Uliassi a Nadia Santini.

La Fondazione PirozziIn ricordo della ragazza, è nata anche la Fondazione Pirozzi onlus, allo scopo di divulgare materiali utili per i malati. Inoltre, raccoglierà fondi per una ricerca proprio sull'alimentazione oncologica, che sarà condotta da Vieri Fusi e Mirco Fanelli, docenti del dipartimento di Scienze biomolecolari dell’Università di Urbino.

"Averla sempre al centro dell’attenzione e delle cose che facciamo è come averla ancora qui", spiega il padre di Francesca a Il Resto del Carlino. "Lei, che si voleva sempre rendere utile agli altri donando sangue e prestandosi a fare la bagnina di salvataggio, nonostante l’innata riservatezza, sarebbe stata contenta di questo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali