FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat, Blangiardo: "Nel 2020 in Italia oltre 700mila morti come nel 1944"

Nel 2019, ha specificato il presidente dellʼistituto di statistica, il numero di decessi si era fermato a 647mila

gori bare chiesa chimitero bergamo coronavirus
Ansa

"Quest'anno supereremo il confine dei 700mila decessi complessivi in Italia (quindi non solo quelli provocati dal Covid, ndr) che è un valore preoccupante". Lo ha detto il presidente dell'Istat, Gian Carlo Blangiardo, sottolineando che "una cosa del genere l'ultima volta, nel nostro Paese, era successa nel 1944. Eravamo nel pieno della seconda guerra mondiale".

"Nel 2019 - ha aggiunto Blangiardo - il dato era stato di 647.000 morti" mentre per quest'anno "si tratta di una stima, perché l'anno non è ancora finito".

 

Il presidente dell'istituto di statistica ha sottolineato che "questo censimento mostra come di fatto la popolazione italiana sia stazionaria, gli stessi numeri che comparivano nel 2011 sono confermati, anche se c'è una diminuzione della componente italiana e aumento della straniera. Emerge la fotografia di un popolo invecchiato: aumenta la componente più matura e diminuisce quella piu giovane, rimane la prevalenza della componente femminile".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali