FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Isernia, maestre incitavano i piccoli a punirsi a vicenda: “Tiragli i capelli”

A “Mattino Cinque” le riprese choc. Salvini: "Metteremo le telecamere negli asili"

“Tiragli i capelli, così non gli fai niente, appiccicagli la testa al muro”; “Lui ti ha fatto male e tu non gli hai fatto niente, forza…ancora”; “Se continui così, ti svito la testa”. Queste le frasi choc rivolte dalle due maestre dell’asilo di Venafro, in provincia di Isernia, che sono state incastrate dalle telecamere posizionate dalla squadra mobile. Telecamere che hanno registrato oltre 150 episodi di violenza in 20 giorni.

Brutalità, offese, violenze psicologiche e fisiche: tutto questo era l’ordine del giorno per i piccoli dell’asilo, che venivano maltrattati quotidianamente. Ora le due maestre sono state sospese dal servizio. Episodi che il vicepremier Matteo Salvini, in collegamento con “Mattino Cinque”, condanna fermamente: “Lo abbiamo promesso più volte. Installeremo le telecamere negli asili – e nelle case di cura – in modo che nessuno si possa più permettere di maltrattare i nostri bambini e i nostri anziani”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali