FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Infortuni mortali sul lavoro, Inail: 704 casi nel 2018, il 4% in più sul 2017

Crescono anche le denunce di infortuni mortali nei primi quattro mesi del 2019: sono state 303, il 5,9% in più rispetto al 2018

Nel 2018 ci sono stati 704 infortuni mortali sul lavoro secondo gli accertamenti dell'Inail. Tra essi, 421 sono avvenuti "fuori dall'azienda" secondo quanto si legge nel rapporto presentato, che documenta un aumento delle morti bianche pari al 4% rispetto al 2017. Crescono anche le denunce di infortuni mortali nei primi quattro mesi del 2019: sono state 303, il 5,9% in più rispetto al 2018.

Tuttavia l'aumento "non denota una tendenza stabile. Il confronto sul primo trimestre segnava una stazionarietà". Sempre nel 2018 sono stare registrate poco più di 645mila denunce di infortuni con una lieve diminuzione rispetto al 2017 (-0,3%) che dovrebbe risultare più accentuata se non si considerassero per omogeneità le comunicazioni obbligatorie, il cui obbligo è intervenuto nel mese di ottobre 2017. Le denunce di malattie sono state circa 59.500 il 2,6% in più rispetto al 2017. Ne è stata riconosciuta la causa professionale al 37%. Le denunce riguardano le malattie e non i soggetti ammalati, che sono 43mila, di cui quasi il 40% per causa professionale riconosciuta.

Sono stati 1.400 i lavoratori con malattia legata all'amianto. I lavoratori deceduti nel 2018 con riconoscimento di malattia professionale sono stati 1.177 (il 16,4% in meno rispetto al 2017) di cui 257 per amianto e il 74% con età al decesso maggiore di 79 anni. "I numeri tristi su infortuni e malattie negli ambienti di lavoro - ha evidenziato il presidente - continuano a sollecitare il rispetto scrupoloso delle regole e delle norme da parte di lavoratori e datori di lavoro. Piani di prevenzione e di controllo, modalità e volontà attuative più efficaci, che possano sfruttare appieno l'innovazione delle tecnologie".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali