FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il padre di Di Maio abbatte le strutture abusive su suo terreno nel Napoletano

Lʼufficio tecnico aveva rigettato le controdeduzioni ed era scattata lʼordinanza di abbattimento. Il genitore del vicepremier avrebbe potuto presentare ricorso al Tar ma ha provveduto di tasca sua a buttarle giù

Antonio Di Maio, padre del vicepremier Luigi, ha provveduto, come ordinato a gennaio dal Comune, ad abbattere tre manufatti abusivi realizzati su un terreno in comproprietà con la sorella a Mariglianella, nel Napoletano. L'ufficio tecnico del Municipio aveva rigettato parte delle controdeduzioni presentate dal padre del ministro del Lavoro, ed era così scattata l'ordinanza di abbattimento.

La polizia nelle proprietà del padre di Luigi Di Maio

In particolare, nella relazione dell'ufficio tecnico, si riteneva che solo uno degli iniziali quattro manufatti ritenuti abusivi, fosse stato realizzato prima del 1967, quando è entrata in vigore la legge sull'edilizia. Nelle controdeduzioni Antonio Di Maio aveva ammesso l'abuso edilizio di quella che un tempo era una stalla poi resa abitabile. I proprietari avrebbero potuto presentare ricorso dinanzi al Tar, ma nei giorni scorsi il papà del leader pentastellato ha provveduto all'abbattimento degli abusi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali