FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il Consiglio superiore della Sanità boccia la "cannabis light"

Secondo gli esperti, interpellati dal ministero della Salute, "non può essere esclusa la pericolosità della sostanza". A rischio centinaia di "canapa shop" diffusi in tutta Italia

Il Consiglio superiore della Sanità boccia la "cannabis light". In risposta a un parere richiesto dal ministero della Salute, l'organo consultivo raccomanda "che siano attivate, nell'interesse della salute individuale e pubblica, misure atte a non consentire la libera vendita dei suddetti prodotti". Il parere rappresenta l'anticamera allo stop di questo mercato che ha fatto registrare un vero boom, con centinaia di punti vendita aperti in tutta Italia.

I Paesi dove la cannabis è legalizzata

Per gli esperti "non può essere esclusa la pericolosità dei prodotti contenenti o costituiti da infiorescenze di canapa", venduti nei cosiddetti "canapa shop" diffusisi in tutta Italia. Intanto, al di là dell'Atlantico, le autorità del Canada hanno invece legalizzato la marijuana per uso ricreativo a livello nazionale.

I prodotti contenenti cannabis sono attualmente venduti come articoli da collezione, e dunque non destinati al consumo. Il Consiglio superiore della Sanità mette però in guardia rispetto a un'eventuale somministrazione, precisando come gli effetti del Thc, anche a bassa concentrazione, su soggetti come anziani, madri in allattamento o persone con patologie particolari siano ancora poco studiati. Dopo il parere del Css, spetterà al ministero se vietare o meno la vendita.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali