FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il cieco giocava a carte, il depresso cantava, lʼinfermo zappava: a Potenza il blitz contro i falsi invalidi

Ecco alcuni dei casi più eclatanti di truffe (per alcune centinaia di migliaia di euro) scoperte dalla Squadra mobile di Potenza nellʼambito dellʼoperazione "Il Canto delle Sirene"

Il cieco giocava a carte, il depresso cantava, l'infermo zappava:  a Potenza il blitz contro i falsi invalidi

Un falso cieco ripreso mentre giocava a carte, una persona affetta da una grave patologia depressiva che partecipava quasi quotidianamente a rassegne canore come cantante folk e un altro falso invalido che si presentava dal medico sulla sedia a rotella ma che poi tornato a casa si "rialzava" e andava a coltivare il proprio terreno con una zappa. Sono alcuni dei casi più eclatanti di truffe all'Inps (per alcune centinaia di migliaia di euro) scoperte dalla Squadra mobile di Potenza nell'ambito dell'operazione "Il Canto delle Sirene".

I provvedimenti cautelari emessi dal gip del capoluogo lucano su richiesta della Procura della Repubblica di Potenza hanno riguardato sei persone tra cui faccendieri, medici e avvocati, "facenti parte - secondo l'accusa - di un'associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, alla truffa e vari falsi ai danni dell'Inps" per l'erogazione della pensione o dell'indennità di accompagnamento.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali