FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il campione di canottaggio Piero Carletto muore un anno dopo la moglie Lara: lasciano due figlie

Conquistò la medaglia di bronzo ai Mondiali 1987 di Copenhagen mentre si classificò settimo alle Olimpiadi di Seul nel 1988

Piero Carletto e Lara Zambon 
Facebook Canottieri Padova

Sabato 14 maggio è morto per un tumore Piero Carletto, campione di Canottaggio, che gareggiò per la squadra azzurra dal 1981 al 1990 e conquistò il bronzo ai mondiali del 1987.

Un anno fa, per lo stesso male, morì la moglie Lara Zambon. Entrambi si trovavano in cura nell'Istituto Oncologico Veneto. Piero Carletto lascia due figlie,

Alice e Arianna

, di 19 e 23 anni.

La carriera - Classe 1963

, durante la sua carriera agonistica è stato campione italiano in singolo junior. Selezionato come singolista per i

mondiali junior

in Bulgaria ci rinunciò per motivi di studio. In seguito ha preso parte a tre

Match des Seniores

e nel 1985 ha vinto l’oro nel quattro senza. Si ricorda anche la sua partecipazione a tre Campionati del Mondo assoluti, tra i quali quello di Copenaghen 1987 al termine del quale salì su podio nella categoria

otto fuoriscalmo

. Nello stesso anno partecipò alle Universiadi di Zagabria, vincendo la

medaglia d’oro

nella stessa categoria.

Al di fuori della canoa -

Nonostante sia ricordato come uno specialista dell’ammiraglia, per i cui risultati sportivi ottenne dal Coni le medaglie di

bronzo

e

d’argento

al Valore Atletico, Piero Carletto riuscì a conseguire anche una laurea in scienze politiche. Al di fuori della disciplina sportiva girò il mondo come manager di numerose aziende italiane ma, appena poteva tornava in acqua grazie alla sua passione per il canottaggio. Fu proprio grazie a essa che conobbe la moglie

Lara Zambon

, futura fondatrice dell'associazione "Unite gareggiamo ovunque", che spinge donne sopravvissute al

tumore al seno

alla pratica canoistica.

Il commiato -

Dopo la scomparsa della moglie, poco più di un'anno fa, aveva continuato a frequentare l'associazione, spingendo le socie a continuare le attività con rinnovata energia. Aveva assistito anche all'inaugurazione del

dragonboat

a 20 posti, donato alla onlus in memoria di Lara. A ricordarlo non ci ha pensato solo

Giuseppe Abbagnale

, anche lui ex campione olimpico e attuale presidente della Federazione nazionale canottaggio, ma anche il 

Comitato Regionale dei canottieri veneti

. "Abbracciamo le due figlie, Alice ed Arianna, in un momento più che mai difficile – ha dichiarato il presidente Sandro Frisiero - Loro sono le più importanti vittorie conseguite da Piero e Lara. Da oggi saranno gli angeli che veglieranno sulle loro giovani vite.


 


 


 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali