FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

I soldi della Camorra riciclati nei supermercati del Nord: scorte di prodotti in offerta da rivendere al dettaglio

Trenta uomini della Campania sono finiti sotto inchiesta per riciclaggio e estorsione

Arrivano al Nord con i tir vuoti all'apertura dei supermercati, riempiono i carrelli di prodotti in offerta e poi li rivendono al dettaglio al Sud. Il tutto, probabilmente, per riciclare denaro sporco. A gestire questo traffico è la Camorra, che ingaggia veri e propri "equipaggi" per fare il carico di pannolini, latte in polvere e altri beni di prima necessità.

Sotto la lente della Procura di Milano, che ha già aperto un'inchiesta per riciclaggio ed estorsione, sono finite una trentina di persone. Si tratta di uomini che provengono dalla Campania e agiscono sempre nella stessa maniera: dopo aver percorso di notte chilometri di autostrada con i camion vuoti - noleggiati pagando in contanti -, si presentano all'orario di apertura davanti l'ingresso dei supermercati o dei centri commerciali della periferia milanese. Una volta entrati, si dirigono nei corridoi riservati alle offerte e riempiono i carrelli di beni di prima necessità che poi rivendono al Sud al dettaglio, come pannolini e latte in polvere.     

Anche se spesso sugli scaffali c'è scritto che è consentito acquistare solo un numero limitato di confezioni, non importa: questi abili acquirenti ignorano l'avviso e procedono con le scorte. Se qualcuno fa obiezioni, senza fare troppi problemi alzano la voce per intimorire i dipendenti e concludono l'acquisto in cassa pagando sempre in contanti. Quando non riescono a concludere l'affare, cambiano supermercato o rientrano a fare un altro carico passando però da una cassa diversa per non essere riconosciuti. Tutto viene fatto in regola e, nel caso di un controllo della polizia Stradale, basta mostrare lo scontrino fiscale per giustificare gli acquisti e proseguire dritti verso Sud. 

La strategia perfetta e studiata a tavolino ha comunque insospettito il sostituto procuratore di Milano Maurizio Ascione, che ha avviato le indagini per capire se dietro questi maxi acquisti si nasconda la macchina della criminalità, che ripulisce in questo modo il denaro sporco incassato con le attività illecite.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali