FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Delitto Giulia Cecchettin, il papà di Filippo Turetta: "Non è uno che uccide a mano armata, gli è saltato un embolo"

Nicola Turetta parla del figlio: "Penso che volesse sequestrarla per impedirle di laurearsi, forse voleva solo spaventarla". Il giovane sarà interrogato venerdì

Delitto Giulia Cecchettin, il papà di Filippo Turetta: "Non è uno che uccide a mano armata, gli è saltato un embolo" - foto 1
Tgcom24

Dell'omicidio di Giulia Cecchettin ha parlato il papà di Filippo Turetta, il giovane che dal carcere di Verona ha ammesso il delitto dell'ex fidanzata 22enne.

"Non è uno che uccide a mano armata, gli è saltato l'embolo. Forse voleva sequestrarla per impedirle di laurearsi", ha detto Nicola Turetta. Intanto la famiglia di Giulia ha nominato un proprio consulente in vista dell'autopsia, fissata per venerdì mattina all'Istituto di medicina legale di Padova. Turetta venerdì sarà interrogato dal pm Andrea Petroni.

 

"Sequestrarla per non darle la soddisfazione della laurea

 In una lunga intervista a "Chi l'ha visto?", Nicola Turetta ha formulato le sue ipotesi sul femminicidio di Giulia Cecchettin: "Io ho pensato che volesse sequestrarla, rapirla per non darle la soddisfazione di laurearsi e dopo lasciarla. Purtroppo le cose sono peggiorate, forse voleva farle paura poi la cosa è precipitata e a lui è saltato l'embolo", ha detto. "Ci sono degli aspetti di questa tragedia che vanno visti in una chiave un po' diversa, cioè non è uno che ha ucciso a mano armata, non so. So che Giulia andava fuori con lui tranquillamente, fino a quel sabato so che non le ha toccato neanche un capello. Quindi lei era tranquilla quando usciva, lei non aveva questi timori", ha aggiunto. Dai messaggi di Giulia raccolti dagli inquirenti, però, è emerso il comportamento possessivo di Turetta e come lui cercasse di allontanarla dalle sue amiche

 

Le parole di Nicola Turetta

 "L'unica spiegazione potrebbe, cioè non è una cosa razionale, una persona che ami, che porti a casa... un bene così non può sfociare in una tragedia del genere", ha aggiunto Nicola Turetta a "Chi l'ha visto?". "Ha ucciso il suo angelo praticamente, quella che lui amava. E' un ragazzo che comunque a 21 anni è un bambino, io non lo so, sono fragili. Anche io avevo le mie crisi ma questi ragazzi mi sembra che appena gli togli qualcosa crollano oppure fanno questi atti così violenti. Qui entriamo nel ramo della psicologia e io non lo so, bisognerebbe capire come aiutarli a uscire quando hanno queste cose", ha spiegato Nicola Turetta. 

 

L'autopsia in programma a Padova

 Intanto la famiglia di Giulia Cecchettin ha nominato un proprio consulente in vista dell'autopsia fissata per venerdì mattina all'Istituto di medicina legale di Padova. Si tratta del professore triestino Stefano D'Errico, direttore di Medicina legale dell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina. D'Errico, tra le altre cose, si è occupato di recente del caso della morte di Liliana Resinovich.

 

Turetta sarà interrogato venerdì dal pm

 Filippo Turetta sarà interrogato venerdì dal pm Andrea Petroni. Il giovane, che ha ammesso l'omicidio di Giulia ma si è avvalso della facoltà di non rispondere in occasione dell'interrogatorio di garanzia da parte del gip Benedetta Vitolo, stavolta potrebbe decidere di parlare davanti agli inquirenti.

 

 

CasaPound e il poster di Filippo Turetta

 Un poster di Filippo Turetta con la scritta "Questo è il vostro uomo rieducato" sono state affisse da CasaPound. "In questi giorni stiamo sentendo continuamente parlare di Turetta come figlio sano del patriarcato e di rieducazione nelle scuole. Turetta è invece la conseguenza di una società che non fornisce più valori né, tanto meno, esempi - spiega CasaPound in una nota - Dopo anni di decostruzione di genere, di deresponsabilizzazione del cittadino, a partire dalla scuola, cosa ci si può aspettare se non individui non in grado di affrontare una benché minima difficoltà?" Si parla "di rieducazione ma nelle aule scolastiche si ha addirittura paura nel dare voti negativi ai ragazzi per il rischio di 'turbarli' - si legge ancora nella nota del movimento di estrema destra - Che rieducazione ci potrà mai essere in una scuola che non rende ragazzi e ragazze in grado di affrontare difficoltà, superarle e prendersi responsabilità?". 

 

In migliaia alla fiaccolata per Giulia Cecchettin a Vigonovo, in fondo al corteo anche i genitori di Turetta

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali