FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Giornata mondiale dei bambini scomparsi: in Italia ne sparisce uno ogni 48 ore

Spesso si tratta di minori non accompagnati, che finiscono nel traffico della prostituzione o del lavoro minorile. La regione con più casi è il Lazio, seguita dalla Lombardia

In Italia ogni 48 ore sparisce un bambino e, fra questi, quattro su cinque non vengono più ritrovati. Nella maggior parte dei casi, si tratta di minori non accompagnati, arrivati nel nostro Paese alla ricerca di una vita migliore e finiti nel mirino di sfruttatori e criminali. Secondo i dati di SOS Il Telefono Azzurro Onlus, Il 2017 è stato uno degli anni più drammatici, con più di tre denunce a settimana. La regione più problematica è il Lazio, mentre in Europa lo stato dove si registrano più casi è la Romania. Il 25 maggio si celebra la Giornata dei bambini scomparsi, in ricordo di Ethan Paz, rapito a New York proprio in questa data, nel 1979.

Un vero e proprio esercitoDei 177 casi di cui si è occupato Il Telefono Azzurro nel 2017, solo il 16,9% ha avuto un lieto fine. In altre parole, lo scorso anno 147 bambini non sono stati ritrovati ed è altamente probabile che siano stati uccisi, oppure finiti nel circuito di sfruttamento sessuale o del lavoro minorile. Un vero e proprio dramma che negli ultimi dieci anni è stato vissuto da circa 1125 bambini. Alcuni di loro sono fuggiti di casa o da un istituto, altri sono stati rapiti o addirittura portati via da uno dei due genitori. Di loro si occupa Il Telefono Azzurro, in collaborazione con il ministero dell'Interno e con le forze dell’ordine, che gestisce il numero unico europeo 116.000, attivo 24 ore su 24.

In ItaliaIl problema riguarda soprattutto i minori non accompagnati, che arrivano nel nostro Paese da stati extra-europei. Sperano di fuggire alla fame o alla guerra, ma spesso rischiano di andare incontro a un destino anche peggiore. Altri scappano da casa, il più delle volte da contesti familiari caratterizzati da abusi e violenza. A partire dal 2009, è un fenomeno in costante crescita: l'anno peggio è stato il 2016, quando si sono registrate più di quattro scomparse ogni sette giorni. Ma anche nel 2017 i numeri sono stati elevati: 3,5 a settimana. La regione dove gli episodi sono più frequenti è il Lazio, dove si raggiungono quasi un quarto dei casi del totale, seguita dalla Lombardia con il 22,7%. Al Sud e nelle isole sembra che invece la situazione sia più sotto controllo.

In EuropaNei Paesi europei spariscono 10mila minori non accompagnati ogni anno, secondo i dati forniti da Europol. Solo pochissimi di loro vengono ritrovati. Nel 2017 è stato attivato il progetto Amina, gestito da Missin Children Europe. A questo, è collegata anche un'app, Miniila, di cui in Italia si occupa SOS Il Telefono Azzurro Onlus, che fornisce a tutti i bambini migranti non accompagnati informazioni riguardati i loro diritti e un elenco puntuale e dettagliato dei servizi a loro disposizione. Garantisce quindi un pasto, un luogo per dormire e il WiFi gratuito: bisogni fondamentali per un minore senza famiglia.

La giornataIl 25 maggio del 1979, a New York, veniva rapito il piccolo Ethan Paz. In suo ricordo, ogni anno dal 1983, si celebra la Giornata internazionale per i bambini scomparsi. Lo scopo non è solo sensibilizzare e portare l'opinione pubblica alla conoscenza di questo tragico fenomeno, ma anche esprimere solidarietà e lanciare un messaggio di speranza a tutti quei genitori che stanno ancora cercando i loro figli. Si celebra nell'ambito della rete Globale per i bambini scomparsi, un programma del Centro internazionale per i bambini scomparsi e sfruttati (Imec). Secondo stime recenti, ogni giorno nel mondo spariscono 22mila minori.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali