FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pensavano di essere invisibili grazie a un rito voodoo: smantellato traffico di droga della mafia nigeriana

La polizia ha arrestato il capo e i corrieri di unʼorganizzazione criminale che operava in tutto il nord-est Italia, sequestrati più di 300 chili di marijuana

Pensavano di essere invisibili grazie a un rito voodoo: smantellato traffico di droga della mafia nigeriana

I corrieri si credevano invisibili grazie a un rito voodoo e trasportavano fino a 50 chili di droga, portandola in valigia nei treni o nelle auto. Un traffico da 3 milioni di euro in tutto il nord-est Italia che la Procura di Trieste ha smantellato grazie all'arresto del capo dell'organizzazione criminale, un nigeriano ai domiciliari a Roma. Il nome in codice dell'operazione era, appunto, "Invisibili".

Gli agenti, coordinati da Carlo Mastelloni, hanno seguito per 6 mesi i movimenti di 13 corrieri di origini nigeriane che, prima di consegnare la droga in Toscana, Liguria, Friuli e Veneto, erano sottoposti da un santone a un rituale voodoo per garantirgli "l'invisibilità".

L'organizzazione criminale faceva capo a N.B., trentaquattrenne nigeriano residente a Roma, che è stato arrestato dalla Squadra mobile di Trieste dopo aver studiato attentamente le sue mosse. Si tratta di una delle operazioni più grandi condotte dalla Procura friulana: le indagini sono partite da un piccolo giro di spaccio in prossimità delle stazioni centrali di Udine e Trieste e sono arrivate a ricostruire una rete di distribuzione della droga che coinvolgeva tutto il Nord Italia. Secondo le forze dell'ordine, pare che il traffico sia stato direttamente gestito dalla mafia nigeriana e non abbia mai avuto legami con la criminalità organizzata italiana. 

Negli ultimi 6 mesi sono stati sequestrati oltre 300 chili di marijuana in mano a corrieri diretti a Trieste, Udine, Genova, Firenze, Pisa, Vicenza, Padova e Treviso. Le modalità di consegna erano sempre uguali: i corrieri si presentavano a Roma a casa di N.B., abitazione nella quale l'uomo scontava gli arresti domiciliari, e prelevavano borsoni e valigie con dentro la droga. L'ultimo carico è stato però fatale: il capo dell'organizzazione aveva consegnato un borsone con sei chili di marijuana a una persona fidata che avrebbe dovuto recapitarlo a Genova, nei pressi della Stazione Principe. La polizia l'ha arrestato e, poco dopo, ha consegnato alla giustizia anche il suo capo.

Voodoo e criminalità nigeriana - Il voodoo è l'aspetto magico ed esoterico di molte religioni africane, viene praticato da "stregoni" attraverso rituali che possono creare magie positive o negative. Una situazione, quella della magia nera, che viene sfruttata negli ambienti della mafia nigeriana per ridurre in schiavitù o costringere gli affiliati a compiere azioni criminali, come documentano numerose operazioni delle forze dell'ordine. I riti hanno diversi nomi e diverse origini, dal "Juju" alla "Macumba" al "Voodoo", ma tutti sono praticati dai criminali per promettere maledizioni nei confronti delle vittime e delle rispettive famiglie. Spesso si realizzano con pratiche macabre, dal sacrificio di animali al taglio dei capelli o addirittura con pestaggi e violenze sessuali. Altre volte si realizzano con bambole o feticci che, dopo essere stati maledetti dallo stregone, costringono i destinatari del rito a ridursi in schiavitù di propria volontà.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali