FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fidanzati uccisi a Pordenone, la Cassazione conferma l'ergastolo per Ruotolo 

Lʼex militare di Somma Vesuviana sparò sette colpi di pistola da molto vicino colpendo prima Trifone Ragone e poi Teresa Costanza

E' stata confermata dalla Cassazione la condanna all'ergastolo per Giosuè Ruotolo, accusato di aver ucciso il 17 marzo 2015 a Pordenone, per motivi di rabbia e gelosia, i fidanzati Teresa Costanza e Trifone Ragone. Gli "ermellini" hanno dichiarato inammissibile il ricorso della difesa di Ruotolo contro la sentenza emessa dalla Corte di Assise di Appello di Trieste il primo marzo 2019.

Trifone Ragone, militare, originario di Adelfia (Bari), 28 anni, e Teresa Costanza, 30 anni, assicuratrice milanese di origini siciliane, laureata alla Bocconi, furono uccisi nel parcheggio del Palazzetto dello Sport di Pordenone. 

 

Giosuè Ruotolo, ex militare di Somma Vesuviana (Napoli) - 28enne quando commise il delitto - sparò sette colpi di pistola da molto vicino colpendo prima Trifone mentre saliva in macchina lato passeggero e poi la sua compagna.

 

In primo grado il pm Pier Umberto Vallerin aveva sottolineato che Ruotolo, unico imputato, aveva "commesso gli omicidi per salvare la sua carriera" e che "l'odio verso Trifone e la gelosia verso Teresa lo avevano assalito già da tempo. Togliendoli di mezzo sparivano due rivali, due minacce viventi, due persone verso cui covava odio già da tempo".

 

Ad avviso di quanto stabilito dalla Corte di Assise di Appello, non si trattò di un delitto "di 'impulso'" ma venne "premeditato, accuratamente studiato nei dettagli" probabilmente dettato da una "rabbia di Ruotolo verso Ragone" che si "trasmutava in odio e in vera e propria sete di vendetta".

 

Secondo i giudici di merito, Ruotolo si è costruito un "alibi falso" e "si è reso responsabile di tutta una serie di 'bugie' e di 'reticenze' che "rappresentano, complessivamente considerate, un ulteriore, certo, grave indizio a suo carico". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali