FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Femminicidio Pantelleria, la figlia della donna data alle fiamme dal compagno: "Aveva premeditato tutto"

"A lei e mia sorella disse 'entro la fine dell'anno io vi brucerò vive'", racconta la 31enne in lacrime a "Pomeriggio Cinque"

 

Trapelano rabbia e tanto dolore dalle parole di Cristina, la figlia della donna bruciata viva dal compagno a Pantelleria e morta dopo due giorni di agonia trascorsi nel reparto di rianimazione dell'ospedale Civico di Palermo. "Questi episodi accadevano da tempo - Esordisce nell'intervista esclusiva rilasciata a "Pomeriggio Cinque" durante la puntata di lunedì 25 settembre - Venerdì sera mia madre si trovava al bar col suo compagno e avevano litigato per gelosia perché pare che un collega di lavoro le avesse offerto un caffè, poi una volta tornati a casa è successo tutto. Noi non eravamo al corrente di questo, altrimenti l'avremmo aiutata".

 

Quindi, la figlia di Anna Elisa Fontana pone l'attenzione sulla premeditazione dell'uomo: "Aveva già la benzina con sé e ha chiuso le porte di casa per non farla scappare. Ha provato a lottare, si è chiusa in bagno e si è messa nella doccia per spegnere le fiamme, però non è riuscita perché lui ha rotto la porta e ha continuato a versare benzina".

Quindi prosegue: "Lui le ha sempre imposto di non parlare con noi. Ci ha ucciso due volte, la prima quando ha portato via nostra madre, che ci ha abbandonate per lui e la seconda volta è oggi". Cristina ha dunque raccontato i gravi problemi di salute del fratello più piccolo: "In questo bisogno aveva bisogno della sua mamma, ma quest'uomo le ha impedito di rimanere con lui; non l'ha mai mandata con il figlio a fare la chemioterapia".

 

E in merito a Giada, l'unica sorella che ancora viveva con la madre, rivela: "Lei non l'ha mai lasciata, anche quando lui non voleva che vivesse con loro. Infatti più volte l'aveva buttata fuori casa ed era andata a vivere da nostro padre. Giada ha capito che mia madre con lui stava male, però aveva paura perché lui le aveva minacciate dicendo "entro fine anno vi brucerò vive". E l'ha fatto, menomale che quel giorno mia sorella non era in casa".

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali