FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ergastolo ostativo, Corte di Strasburgo: "L'Italia riformi la legge"

Rifiutata la richiesta di un nuovo giudizio avanzata dal governo. Il presidente della Commissione antimafia: "La Corte va allo scontro" con il nostro Paese. Bonafede: "Non condividiamo"

L'Italia deve riformare la legge sull'ergastolo ostativo, che impedisce al condannato di usufruire di benefici sulla pena se non collabora con la giustizia. Lo ha stabilito la Corte di Strasburgo, rifiutando la richiesta di un nuovo giudizio avanzata dal governo italiano dopo la condanna, che adesso diventa definitiva, emessa il 13 giugno.

La Corte a giugno aveva considerato ammissibile il ricorso avanzato dal detenuto per mafia, Marcello Viola, e stabilito che c'era stata una violazione dell'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti umani.

Per tutta risposta il governo aveva chiesto che la decisione fosse rinviata per un nuovo giudizio alla "Grande Camera'" Oggi il no definitivo all'Italia, cui viene chiesto di riformare la norma sull'ergastolo ostativo. A Marcello Viola, secondo la decisione del giugno scorso, non verranno versate somme risarcitorie, perché la Corte ritiene che "l'accertamento della violazione fornisca in sè soddisfazione sufficiente per il danno morale sostenuto dal richiedente". All'Italia spetterà pagare le spese legali sostenute da Viola e quantificate i 6000 euro.

Morra: "Cedu va allo scontro con l'Italia" - "La Corte europea dei diritti umani ha deciso di andare allo scontro con l'Italia". Lo ha detto il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, commentando la sentenza della Corte di Strasburgo. "Non siamo in ginocchio, ma oggi siamo stati sconfitti su un fronte importantissimo", ha aggiunto. 
 

Bonafede. "Non condividiamo assolutamente la Cedu" - In disaccordo con la sentenza è il ministro Giustizia, Alfonso Bonafede, che ha commentato: "Non condividiamo nella maniera più assoluta questa decisione della Cedu, ne prendiamo atto e faremo valere in tutte le sedi le ragioni del governo italiano e di una scelta che lo Stato ha fatto tanti anni fa: una persona può accedere ai benefici a condizione che collabori con la giustizia". 

 

Di Maio: "Chi va con la mafia paghi" - Furioso anche Luigi Di Maio, che non condivide la sententa della Cedu: "Oggi la Corte di Strasburgo ci dice che l'ergastolo ostativo viola i diritti umani e che dovremmo riformarla. Ma stiamo scherzando? - ha scritto su Facebook -. Se vai a braccetto con la mafia, se distruggi la vita di intere famiglie e persone innocenti, ti fai il carcere secondo certe regole. Nessun beneficio penitenziario, nessuna libertà condizionata. Paghi, punto. Qui piangiamo ancora i nostri eroi, le nostre vittime, e ora dovremmo pensare a tutelare i diritti dei loro carnefici? Il M5s non condivide in alcun modo la decisione presa dalla Corte". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali