FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Studente sospeso a Modena per un'intervista, la scuola: non calpestata libera espressione

Sulla vicenda di Damiano Cassanelli è intervenuta la dirigente dell'Ites Barozzi frequentato dallo studente e sul quale, da rappresentante, aveva rilasciato dichiarazioni alla stampa locale

Studente sospeso a Modena per un'intervista, la scuola: non calpestata libera espressione - foto 1
Ansa

"Il Consiglio d'Istituto certo non ha inteso calpestare la libera espressione del pensiero né la libertà di stampa.

Nel corso di quella stessa intervista, infatti, altri ragazzi hanno avanzato critiche e rivendicazioni ma non sono stati sanzionati". Così, in una lunga nota, la dirigente scolastica dell'Ites Barozzi di Modena, Lorella Marchesini, interviene sulla vicenda di Damiano Cassanelli sospeso 12 giorni da scuola dopo alcune sue dichiarazioni in una intervista sull'istituto. La misura contro il ragazzo, che ha un ruolo di rappresentanza nel suo istituto, ha sollevato accese polemiche.

Studente sospeso a Modena per un'intervista, la scuola: non calpestata libera espressione - foto 2
Tgcom24

Per la prima volta parla la preside dell'Ites di Modena

 "Se lo studente intenderà fare ricorso - osserva la preside dell'Ites Barozzi di Modena - troverà un altro organo incaricato di rivalutare il suo comportamento. Questo potrà confermare la sanzione o fare valutazioni diverse da quelle seguite dal Consiglio d'Istituto e annullarla o modificarla, come prevede il normale funzionamento di uno Stato di diritto".

 

"Il Barozzi - aggiunge la dirigente - non è una scuola autoritaria e punitiva. Non lo è mai stata, è una scuola inclusiva, sia per i giovani del corso diurno sia per gli studenti del corso serale". A giudizio della dirigente scolastica, "tutti siamo convinti che la scuola sia il luogo del dialogo e del confronto ma anche dell'educazione alla responsabilità. I temi educativi tuttavia sono complessi".

 

"Anche se siamo tutti animati dalle migliori finalità educative - prosegue - possiamo avere idee diverse sulle azioni concrete per affrontare le singole situazioni. Sarebbe un errore credere di sapere sempre quale sia l'unica idea giusta". Quindi, argomenta ancora Marchesini, "per questo motivo nella scuola nessuna decisione che riguardi il percorso formativo di un ragazzo è presa da una sola persona. In questo caso la decisione che, sebbene non condivisa, non può bastare a definire il 'Barozzi' scuola autoritaria e punitiva, è stata assunta a larga maggioranza, nel rispetto della legge, dal Consiglio d'Istituto".

 

"Il Consiglio d'Istituto è presieduto da un genitore ed ha deliberato con il voto a scrutinio segreto di 16 persone. Sono genitori, insegnanti e studenti - sottolinea - tutti investiti, attraverso elezioni, del ruolo di rappresentanti delle rispettive categorie".

 

Secondo la dirigente scolastica del Barozzi, "ora che la vicenda dello studente sospeso è diventata di dominio pubblico e si è saputo, da lui stesso, dalla stampa, dai chiarimenti forniti dal Ministero, che lo studente dell'Istituto tecnico economico 'Barozzi' di Modena non è stato sanzionato per avere espresso le sue critiche al funzionamento della scuola, ma per avere rilasciato, nel corso di un'intervista, dichiarazioni denigratorie nei confronti dell'istituzione e dell'intera comunità scolastica, si possono fare alcune considerazioni".

 

"Valutare sul piano dell'educazione questo comportamento - puntualizza - non è cosa banale né scontata perché chiama in causa un tema educativo per eccellenza: fin dove può spingersi la libertà di esprimere il proprio pensiero senza ledere la dignità e la reputazione altrui? E' il bilanciamento necessario tra libertà e rispetto dell'altro".

 

Ad ogni modo evidenzia Marchesini "il Barozzi va avanti. Continua con le sue attività: con la cura dell'apprendimento di ogni studente attraverso attività di recupero personalizzato, organizza attività specifiche per gli alunni non italofoni, pianifica una grande varietà di attività facoltative alle quali partecipano tanti studenti ogni pomeriggio, tra cui laboratori teatrali, corsi di matematica per l'università, progetti Erasmus, corsi di lingua straniera, certificazioni linguistiche e di informatica. Stimola il pensiero critico nella normale attività didattica, nei corsi di debate, nei laboratori di giornalismo. Offre borse di studio per finanziare stage lavorativi all'estero degli studenti e rimborsa completamente i costi delle certificazioni linguistiche agli studenti meritevoli e tanto altro ancora".

 

"Questo, come pure sanno studenti e genitori - conclude la preside - è il frutto dell'impegno quotidiano di tutto il personale scolastico, sia di coloro che hanno condiviso la decisione del Consiglio d'Istituto, sia di coloro che l'hanno avversata".

 

La vicenda e la difesa dello studente sospeso

 "Dal provvedimento di sospensione disciplinare emerge una scuola ove la necessaria autorevolezza si confonde con un autoritarismo sintetico e sbrigativo". Così l'avvocato Stefano Cavazzuti commenta la sospensione di 12 giorni da scuola che è stata formalmente notificata al suo assistito, Damiano Cassanelli, studente di quinta dell'Ites Barozzi di Modena. Al Consiglio d'istituto non sono piaciute alcune frasi che il ragazzo ha pronunciato durante un'intervista rilasciata alla stampa locale lo scorso novembre, ritenute "di rilevante contenuto diffamatorio per l'istituzione scolastica".

 

"Damiano si è espresso in qualità di rappresentante degli studenti, aveva il diritto/dovere di farlo, l'ha fatto e nulla gli può essere rimproverato", ribadisce il legale, che ha già annunciato il ricorso al Tar.

 

Di "autoritarismo sempre più spesso preferito all'ascolto e al confronto" hanno scritto in un comunicato di solidarietà agli studenti e ai colleghi del Barozzi anche alcuni docenti dell'Itis E. Fermi di Modena. I professori (22 firmatari) ritengono che il provvedimento di sospensione sia "ingiusto e castrante la libertà di espressione prevista dalla nostra Costituzione (...) La deriva autoritaria deve trovare nella scuola un argine forte e coraggioso, come forte e coraggioso è stato il no dei colleghi e degli studenti del Barozzi - prosegue la nota. - Riteniamo molto pericoloso per la formazione della coscienza civica dei nostri giovani, il messaggio, certamente involontario, che tale provvedimento potrebbe veicolare: chi parla con i giornali tradisce, infanga, chi racconta è colpevole, chi denuncia diffama. Il silenzio invece è dignità, è difesa della comunità. No. La parola è dignità - concludono gli insegnanti. - Avere coraggio di raccontare le lacune o le disfunzioni dello spazio che abitiamo è atto di difesa della nostra comunità". 

 

Studente sospeso a Modena, Fratoianni: è incredibile, siamo al Ventennio?

 "Trovo davvero incredibile, che nonostante le proteste e le varie prese di posizione dei docenti, del mondo istituzionale, culturale e politico, la dirigente scolastica e il consiglio di istituto di una scuola superiore di Modena abbiano voluto confermare la sospensione per ben 12 giorni di un rappresentante degli studenti. La sua colpa? Quella di aver espresso in un'intervista critiche sulla gestione e sui problemi dell'istituto, danneggiando secondo l'accusa la reputazione della scuola. Qualcuno pensa di essere ancora in un regio istituto del Ventennio?". Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni, che è anche deputato di Avs.

 

"Siamo ben oltre l'immaginabile: da una parte un ministro come Valditara - prosegue - che per non prendere posizione, si rifugia pavidamente da qualche parte in base ai poteri di non ingerenza. Dall'altra uno studente che svolge per di più una funzione di rappresentanza, che ha espresso pubblicamente delle proprie opinioni e che viene punito dall'istituzione scolastica. È il fallimento della funzione della scuola: forse piuttosto che punire il ragazzo servirebbe che per quella dirigente scolastica e per quel consiglio d'istituto ci fosse una lettura collettiva di don Milani e un qualche corso di educazione civica e di conoscenza della nostra Costituzione. Gli farebbe sicuramente bene". 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali