FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ritrovati nel Modenese i frammenti del meteorite di Capodanno: "Non toccateli"

I consigli degli esperti: "Se trovate un sasso scuro e smussato, non lo toccate, fate foto e segnalatelo allʼIstituto Nazionale di Astrofisica"

Un ciclista emiliano, Davide Gaddi, ha ritrovato i frammenti del meteorite di Capodanno, che era stato avvistato sul Nord italia la sera del primo gennaio. I frammenti sono stati scoperti nella zona Disvetro-Rovereto sul Secchia, nel Modenese, ai limiti dell'area indicata dai calcoli della rete Prisma (Prima Rete Italiana per la Sorveglianza sistematica di Meteore e dell'Atmosfera). Il ritrovamento è il primo reso possibile dalla rete.

 

I reperti sono iconoscibili per la patina scura e gli angoli smussati,  Generato dal frammento di un asteroide, il bolide era stato intercettato da otto videocamere, i cui dati hanno permesso di delimitare la zona di probabile caduta attorno a Disvetro, in provincia di Modena.

 

Grande soddisfazione - «È enorme la soddisfazione di tutti i numerosi collaboratori della rete Prisma», dice Daniele Gardiol dell’Inaf di Torino, coordinatore nazionale di Prisma. «Questo successo ripaga tutti degli sforzi fatti nel corso di questi tre anni, da chi installa e mantiene in efficienza le camere a chi ha scritto e implementato i complessi calcoli matematici necessari per calcolare i parametri fisici del fenomeno bolide e per determinare con precisione l’area di caduta di eventuali meteoriti, dai nostri colleghi francesi della rete gemella Fripon, con cui collaboriamo attivamente, ai cittadini che hanno dato ascolto al nostro appello per la ricerca dei frammenti. È un successo di tutti noi; è il risultato di un perfetto gioco di squadra».

 

"Non toccateli" - La prima conferma che quello trovato in quella zona sia il frammento di un meteorite "freschissimo", cioè caduto da pochissimo tempo, è arrivata dall'esperto Romano Serra, dell'Università di Bologna e adesso sono in corso ulteriori indagini. Non si esclude che nella stessa zona si possano trovare altri frammenti e gli esperti di Prisma invitano chi si imbattesse in un sasso anomalo e con gli angoli smussati, a non toccarlo e a segnalarlo inviando una foto a: prisma_po@inaf.it.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali