FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ragazza suicida a Forlì, giudice contro insegnanti: scoppia la polemica

Il presidente della Corte ai docenti: "Da voi ci si aspetta di più, non vi siete accorti di niente". I professori replicano con una lettera

Ragazza suicida a Forlì, giudice contro insegnanti: scoppia la polemica

Il processo in corso a Forlì ai genitori di una 16enne che nel 2014 si gettò dal tetto del suo liceo, sta suscitando una polemica tra il mondo della scuola e il giudice, con una lettera firmata da 200 persone dopo che il presidente della Corte di assise in aula aveva 'ripreso' gli insegnanti per non aver fatto abbastanza.

Le parole del giudice - Imputati sono la madre della giovane, per maltrattamenti, e il padre anche per istigazione al suicidio. Secondo quanto riporta la stampa locale, nell'udienza del primo febbraio il presidente della Corte, dopo alcune testimonianze di docenti aveva detto: "Da voi insegnanti ci si aspetta di più. E' emerso il disagio di Rosita e voi dite che non vi siete accorti di niente. Se aspettate segni chiari e palesi, allora queste cose continueranno".

La replica degli insegnanti - Alcuni professori del liceo classico frequentato dalla giovane hanno diffuso allora una lettera firmata da una settantina di persone della scuola e per solidarietà da altri 150 colleghi, di Forlì e non solo: "La sensazione più diffusa - si legge nel testo - è che siamo isolati di fronte a tutto quanto la società non sa gestire e che trovare un facile capro espiatorio per ogni situazione non giovi davvero a nessuno". E ancora: "Sembra che a volte si pretenda che possediamo i 'super-poteri' per ipotizzare e capire oltre la realtà umanamente percettibile". Gli insegnanti, insomma, non ci stanno a essere "socialmente delegittimati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali