FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Imola, investe e uccide un 34enne marocchino perché aveva rubato il cellulare al figlio: arrestato 43enne

Lʼuomo si è costituito, ma alla polizia ha detto che non voleva investire la vittima. I fatti pregressi però lo hanno smentito e ora è in manette

Un uomo di 43 anni è stato arrestato con l'accusa di aver investito con l'auto e ucciso un marocchino 34enne, con cui aveva litigato nei giorni scorsi per un cellulare rubato a suo figlio. E' successo domenica sera a Imola (Bologna). L'uomo è giunto in stato confusionale al commissariato di polizia poco dopo i fatti, dicendo di essere stato lui a investirlo ma che non voleva uccidere la vittima. E' finito in manette per omicidio volontario.

La prima lite Gli inquirenti non hanno creduto all'operaio di 43 anni a causa dei fatti pregressi. Alla base del folle gesto, infatti, ci sarebbe una diatriba per un cellulare rubato al figlio dell'italiano, residente a Imola. A fine anno infatti il marocchino 34enne aveva minacciato il figlio dell'arrestato per poi rubargli lo smartphone. Il ragazzo aveva raccontato quanto accaduto al padre che venerdì, dopo aver denunciato il fatto alle forze dell'ordine, era andato a cercare l'extracomunitario. Tra i due era nata una rissa che li ha fatti finire entrambi in ospedale.

 

Il tragico epilogo Neanche l'aggressione però ha chiuso la questione. Il marocchino è tornato a minacciare il figlio dell'uomo, che a quel punto è andato su tutte le furie - mentre la compagna avvertiva la polizia - e si è messo a cercare il 34enne con la macchina fino a quando non lo ha visto in una via stretta del centro e si è lanciato a folle velocità contro di lui, colpendolo con la parte anteriore destra della macchina. Allepolizia il 43enne ha poi raccontato che voleva solo tagliargli la strada.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali