FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brescia, travolto e ucciso da un'auto: nessun pirata della strada ma un omicidio dopo una rissa in campo rom

Sembra che lʼinvestitore abbia voluto vendicarsi. I carabinieri sono risaliti a lui, un 28enne serbo, tramite la targa, e lo hanno fermato

Un uomo di 25 anni viene travolto e ucciso da un'auto a Brescia. Sembrava l'ennesimo caso di omicidio stradale e invece, a poche ore dalla tragedia, si scopre che si sarebbe trattato di un omicidio. Sono le 18;30 di venerdì quando, a pochi passi da un campo rom, un suv investe e uccide un pedone gettandolo in un fosso e si dilegua senza prestare soccorso. Si pensa subito a un pirata della strada, ma ben presto le forze dell'ordine scoprono che le cose stanno diversamente. 

La rissa al campo rom - Nell'impatto il suv perde la targa ed è proprio grazie ad essa che i carabinieri riescono a risalire alla vettura, ricostruendo l'intera vicenda. Si scopre infatti che poco prima della tragedia c'era stata una rissa nel campo rom: l'investitore, 28 anni e fratello della moglie dell'uomo ucciso, era stato aggredito dal cognato. L'aggressore si era offeso perché non era stato invitato a una festa, a cui stava invece partecipando la donna, che quindi non era a casa del marito a cucinare. 

 

La vendetta e il fermo - Dopo la rissa il 28enne, nato in Serbia, furioso per l'aggressione, era salito in auto e aveva investito il cognato per vendicarsi. "C'ero io alla guida", avrebbe ammesso ai carabinieri quando l'hanno fermato. Al vaglio delle forze dell'ordine c'è ora la posizione dei due fratelli, uno dei quali è stato ricoverato in ospedale a causa delle ferite da arma da taglio. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali