FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bologna, Igor il russo condannato allʼergastolo

Norbert Feher, dopo una latitanza di otto mesi, è stato arrestato in Spagna a dicembre 2017

Igor il russo è stato condannato all'ergastolo. Il gup Alberto Ziroldi ha deciso il massimo della pena per il killer serbo, al secolo Norbert Feher, processato a Bologna in rito abbreviato per gli omicidi del barista Davide Fabbri e del volontario Valerio Verri e per altri reati. Dopo una latitanza di otto mesi, Feher è stato arrestato in Spagna a dicembre 2017 e da allora si trova nel carcere di Saragozza.

Il verdetto, pronunciato dal Gup Alberto Ziroldi, che ha accolto la richiesta del pm Marco Forte, è tutt'altro che imprevisto. E non placa la rabbia dei parenti delle sue vittime. "Chi ha ammazzato mio marito non è stato Igor, ma lo Stato, perché questa persona non doveva essere qui in Italia", ha detto Maria Sirica, la vedova del barista di Budrio Davide Fabbri, che dalla sera del primo aprile 2017 in cui perse il compagno di vita e si trovò faccia a faccia con l'assassino, entrato nel locale con fucile e pistola, lo ha voluto nuovamente affrontare, seppur separata da un video. Il suo riferimento è a una passata espulsione per il criminale, mai eseguita.

Dopo la sera dell'omicidio di Fabbri, Igor fuggì, e fece perdere le sue tracce. Mentre si iniziava a diffondere la leggenda di lui come ex militare dell'armata rossa, poi risultata infondata, Feher riemerse dall'ombra una settimana dopo, nelle campagne di Portomaggiore. Qui, per loro sventura, lo incrociarono Valerio Verri e Marco Ravaglia, poliziotto provinciale e volontario di Legambiente, in pattuglia antibracconaggio.

Igor fece fuoco, uccise il primo e ferì gravemente il secondo. Ravaglia, che dice di essere "felice soprattutto per tutti i parenti delle vittime, per mia moglie, per tutte le persone che hanno sofferto, che questa persona, questo mostro, sia stato condannato all'ergastolo".

Ma in quella zona, hanno sempre sostenuto i familiari di Verri, le forze dell'ordine sapevano che si poteva nascondere e a un volontario non doveva essere consentito di circolare. Valerio l'8 aprile "non doveva essere lì", ha detto l'avvocato Fabio Anselmo, secondo cui "è sbagliato dire che è stato vittima del dovere: è un cittadino che è stato esposto a un rischio cui non doveva essere esposto. Abbiamo già fatto ricorso a Strasburgo ed è stato ritenuto ammissibile quindi abbiamo avuto già un bel primo successo. Questa sentenza avvalora la nostra tesi", visto che non è stata riconosciuta l'aggravante di aver ucciso un pubblico ufficiale.

La fuga di Igor dall'agguato del Mezzano proseguì ai margini di un boschetto, dove abbandonò l'auto e si nascose sottraendosi a tre carabinieri in borghese. Prenderlo sembrava questione di ore, invece l'uomo fece impazzire i reparti speciali che diedero vita a una caccia imponente, con battute durate settimane e restate senza risultato.

Dove si sia nascosto, chi e come lo abbia aiutato, resta un mistero. "Nessuna rete organizzata", ha detto il procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato. Otto mesi dopo Igor si rimaterializzò in una zona desertica della Spagna. Messo alle strette dopo alcuni furti in campagna, sparò e uccise ancora: due militari della Guardia Civil e un allevatore. Venne arrestato perché nella fuga su un furgone, forse ubriaco, si schiantò e perse i sensi. In carcere legge la Bibbia e i fumetti, fa flessioni e addominali.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali