FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bologna, avvelenano e uccidono amico per derubarlo: fermati marito e moglie

Secondo gli inquirenti, i due, accusati di morte come conseguenza di altro delitto e rapina, avrebbero preso il bancomat della vittima e prelevato 1.900 euro

Avrebbero avvelenato un amico per stordirlo e rapinarlo, ma la vittima, Vito Balboni, 63 anni, è morta dopo una lunghissima agonia. E' la terribile accusa a carico di un coppia, marito e moglie, in stato di fermo. I due avrebbero fatto assumere al 63enne dosi massicce di Rivotril e Nozinan somministrati in una birra. A conferma della premeditazione, la donna pochi giorni prima si sarebbe fatta prescrivere dal medico psicofarmaci.

Secondo gli inquirenti, i due, accusati di morte come conseguenza di altro delitto e rapina, avrebbero preso il bancomat della vittima e prelevato 1.900 euro.

 

Balboni, trovato dentro la sua auto senza vita dopo diversi giorni il suo decesso, è morto per arresto cardiaco, ma secondo quanto è emerso dall'autopsia sarebbe rimasto in stato comatoso per molte ore prima che il cuore cedesse.

 

I due si erano sposati da poco e la donna era uscita dal carcere la scorsa primavera dopo avere scontato una pena di 6 anni: era stata condannata per avere narcotizzato con un caffè adulterato e poi rapinato un venditore porta a porta che nel 2013 era andato a casa sua, a Monghidoro, per fare la dimostrazione di un elettrodomestico. In quel caso l'uomo si era salvato. Per lunedì è in programma l'udienza di convalida del fermo dei due coniugi. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali