FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dopo l'appello della mamma di Rebecca interviene la Farnesina: "La 14enne verrà operata in Germania"

Si sblocca il caso della ragazza del Torinese affetta da patologie rare che non poteva andare allʼestero per lʼemergenza coronavirus. La famiglia: "Grande vittoria"

"Rebecca sarà operata in Germania". La Farnesina sblocca il caso della 14enne torinese con patologie rare, in attesa di un delicato intervento che non può essere effettuato in Italia. Il trasferimento in Germania era stato bloccato dall'emergenza coronavirus. L'appello al governo lanciato dalla mamma ha raggiunto l'obiettivo con l'interessamento del ministro Di Maio. E la gioia della famiglia giunge da Facebook: "Grande vittoria, sarà operata a Friburgo".

L'intervento della Farnesina - "Rebecca sarà presto trasferita nella struttura ospedaliera tedesca o Svizzera che la famiglia sceglierà per affrontare un importante intervento", recita la nota ufficiale del ministero degli Esteri.

 

"Ciò è stato possibile grazie al lavoro della rete diplomatica italiana che ha permesso il contatto fra le equipe mediche sia tedesche che svizzere con i medici italiani che hanno in cura Rebecca, a seguito del personale interessamento del ministro Di Maio. Le misure di sicurezza Covid-19, che tutte le strutture mediche devono rispettare, hanno impedito l`immediato trasferimento a fine marzo della bambina per evitare un`eventuale esposizione al contagio".

 

"La rete diplomatica continuerà a lavorare per dare il massimo supporto alla famiglia nell`organizzazione della logistica del trasferimento", conclude la nota della Farnesina.

 

 

La gioia della madre di Rebecca - "La Germania può prendere in carico Rebecca il 4 maggio, anche l'ospedale svizzero si è dichiarato favorevole a prestare le cure adeguate. Una grande vittoria". Lo scrive su Facebook Alessia Uifuzzi, la mamma di Rebecca, una ragazza di 14 anni con patologie rare di Forno Canavese (Torino), che, a causa dell'emergenza Covid-19, non poteva essere operata all'estero. "Ringrazio il governo italiano, la Farnesina - scrive su Fb - le ambasciate, le istituzioni politiche, i medici italiani e stranieri, i giornalisti e chiunque mi abbia teso la mano in questo terribile momento di sconforto e buio totale". 

 

Rebecca ce l'ha fatta, dunque. La 14enne di Forno Canavese (Torino), in attesa di un delicato intervento chirurgico che non può essere effettuato in Italia, sarà operata a Friburgo. La giovane è costretta a letto perché affetta da due patologie rare: la malformazione di Chiari e l'ipotensione liquorale.

 

La prima è stata risolta chirurgicamente dopo ben otto interventi. Per la seconda lo scorso 9 marzo la ragazzina avrebbe dovuto sottoporsi a una visita all'ospedale Uniklinik di Friburgo, per una diagnostica mirata che, in Italia, al momento non è possibile effettuare. "Da Friburgo ci hanno negato l'accesso a causa del Covid-19 - aveva raccontato la mamma Alessia Uifuzzi, appellandosi al governo - e anche il secondo centro europeo in ipotensione, l'Insel Hospital di Berna, ha fatto lo stesso". Senza cure Rebecca potrebbe incorrere in complicazioni di vitale rilevanza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali