FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cucchi, il carabiniere che ha fatto riaprire lʼinchiesta: "Mi minacciano"

Dopo aver testimoniato al processo, Riccardo Casamassima racconta le conseguenze del suo gesto e chiede aiuto al governo. Il ministro Trenta: "Pronta a parlare con lui"

"Mi hanno minacciato per aver fatto il mio dovere come uomo e come carabiniere, per aver testimoniato al processo Cucchi, morto perché pestato dai miei colleghi". E' quanto denuncia, in un video su Facebook, Riccardo Casamassima, il carabiniere che, con la sua testimonianza, ha fatto riaprire l'inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi. Casamassima conclude il messaggio rivolgendosi "ai ministri Salvini e Di Maio e al premier Conte: mi aiutino".

"Avevo manifestato le mie paure prima del processo del 15 maggio - spiega nel video -. Paure che si sono concretizzate perché mi è stato notificato un trasferimento presso la scuola allievi ufficiali. Sarò allontanato e demansionato e andrò a lavorare a scuola dopo essere stato per 20 anni in strada. E' scandaloso".

E ancora: "Ho subito minacce, nessuno mi ha aiutato. Mi appello alle cariche dello Stato: è giusto che una persona onesta debba subire questo trattamento? Mi stanno distruggendo. Mi recherò al comando generale per incontrare il nuovo comandante generale. Se non mi verranno date delle spiegazioni, sarò costretto ad andare in Procura e a denunciare quello che sta succedendo perché il processo Cucchi è ancora aperto e quindi una qualsiasi azione fatta nei miei confronti lo va a compromettere".

Infine, aggiunge che "per giustificare il trasferimento, dicono di giudicarmi 'poco esemplare e inadeguato al senso della disciplina'".

Trenta: disponibile a parlare con Casamassima - "Ho ascoltato il carabiniere Casamassima su Facebook, ne ho già discusso con il comandante generale dell'Arma e sono disponibile a parlare con lui". Lo ha detto il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta. Lui, ha aggiunto, "ha chiesto di parlare con alcuni ministri, non ha citato il mio nome, ma sono io il ministro di riferimento e quindi lo farò volentieri. Sicuramente - ha rilevato - ci sono dei fraintendimenti e quello che dice nel video va approfondito". Quanto al trasferimento lamentato dal carabiniere, ha precisato il ministro, "non sono io che posso sospenderlo. Il trasferimento può essere stato deciso anche soltanto per tutelarlo. Questo lo dobbiamo approfondire".

Carabinieri: "Trasferimento Casamassima per disagio psicologico" - "Il trasferimento alla legione allievi, ubicata come il precedente reparto a Roma e in zona anche più comoda per raggiungere la sua abitazione, fa fronte a una situazione di disagio psicologico che Casamassima ha più volte rappresentato anche pubblicamente". E' quanto afferma il comando generale dei Carabinieri. Un disagio, prosegue il comando generale dell'Arma, "avvertito per la presenza nella stessa caserma di uno dei militari da lui chiamati in causa per il caso Cucchi e di un altro che avrebbe usato parole offensive nei suoi riguardi". L'Arma, conclude la nota, "ribadisce la propria solidarietà alla famiglia Cucchi nel convincimento che ogni Carabiniere chiamato a deporre, in questo come in qualsiasi altro procedimento, deve sempre riferire la verità, nella serena consapevolezza di adempiere al proprio dovere di cittadino e di Carabiniere".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali