FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, nelle nuove zone rosse e arancioni scattano divieti più stringenti

Dal jogging al fumo in strada: ecco cosa cambia da domenica anche in base alle ordinanze regionali, già guardando al decreto Natale

Per le nuove regioni inserite da domenica nelle zone rosse e arancioni aumentano i divieti da rispettare in piena emergenza-Covid. Dal joggin al fumo in strada, dai negozi chiusi agli ingressi scaglionati nelle piazze. E a tutto ciò si aggiungono le varie ordinanze regionali, sempre più stringenti. Ma si guarda già al Natale, in attesa di un decreto ad hoc. Mentre i governatori alzano la voce contro i criteri di calcolo.

L'Italia multicolore in piena emergenza sanitaria - Nell'Italia che cambia colore di settimana in settimana orientarsi tra divieti, restrizioni e timide concessioni è impresa complicata. Alla divisione in zone si aggiungono infatti le ordinanze regionali. E così in molti comuni, come Roma, Napoli e Bologna, l'ingresso al centro storico viene contingentato; a Genova lungomare interdetto, mentre su quello di Rimini sarà consentito passeggiare o correre, ma non fermarsi. Scuole chiuse o riaperte a seconda dei casi.

Guardando al Natale - Ogni regione, dunque, appronta la sua ricetta anti-Covid con l'obiettivo di arrivare a Natale con l'Rt più basso possibile, possibilmente intorno all'1. Il tema è anche sul tavolo del governo. Nessun liberi tutti, certo, forse solo qualche concessione. Allo studio un piano in due fasi, sempre a patto che calino i contagi. L'ipotesi sarebbe allentare il coprifuoco dove possibile e magari permettere anche la riapertura dei ristoranti la sera.

Il malcontento dei governatori - Con il passaggio a nuove zone, c'è aria di tempesta nei palazzi delle Regioni. "la situazione con lo Stato centrale è estremamente grave", ha commentato Massimiliano Fedriga presidente del Friuli-Venezia Giulia. Su tutte le furie anche il governatore campano De Luca, mentre Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria finita in fascia arancione,  sottolinea: "Noi rispondiamo con i fatti e contiamo di tornare presto in area gialla".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali