FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, l'Italia dei colori: cosa si può (o non si può) fare 

E' stata introdotta anche la zona arancione rinforzata con misure più severe

roma, napoli, folla, covid
Ansa

Per arginare la pandemia nel nostro Paese è stato applicato il sistema dei "colori",  regolato su incidenza settimanale dei contagi, rischio e scenari. Oltre alle aree classiche a cui gli italiani si sono abituati nel corso delle settimane, di recente è stata introdotta anche la zona arancione rinforzata, con misure più severe. Per quanto riguarda le scuole, le disposizioni si differenziano a seconda delle Regioni.

Zona bianca In quest'area non c'è coprifuoco, ristoranti, cinema, palestre e musei possono aprire a orario pieno. 'Rt deve essere inferiore a 1 e devono verificarsi meno di 50 casi ogni 100mila abitanti per almeno tre settimane consecutive.

 

Zona gialla In queste aree scatta il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino. Cinema, palestre e musei sono chiusi. Si può mangiare fuori casa solo per pranzo: dalle 18 ristoranti e bar possono essere aperti ma solo per ordini da asporto. L'indice Rt non deve superare la soglia di 1,25.

 

Zona arancione Oltre alle misure previste per le zone gialle, le persone non possono uscire dal proprio Comune di residenza. I ristoranti sono chiusi anche a pranzo. L'indice Rt non deve superare la soglia di 1,5. 

 

Zona arancione rinforzata Ai provvedimenti già previsti a livello nazionale dal governo, ogni Regione può rafforzare le misure, come chiudere le scuole o limitare altre attività.

 

 

Zona rossa Se l'indice Rt supera la soglia di 1,5, è vietato uscire da casa se non per necessità. Aperte le attività essenziali, chiusi invece i negozi e i centri commerciali. E' consentito fare attività motoria all'aperto, esclusivamente in forma individuale e nei pressi della propria abitazione, ma sempre indossando la mascherina e nel rispetto delle distanze di sicurezza. Non sarà poi più possibile spostarsi una sola volta al giorno per fare visita a parenti o amici, tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone. Il trasferimento per dare assistenza a persone non autosufficienti è sempre legittimo. Per quanto riguarda la scuola, scatta la didattica a distanza per la scuola secondaria di secondo grado, per le classi di seconda e terza media. Restano aperte, quindi, solo le scuole dell’infanzia, le scuole elementari e la prima media. Chiuse le università, salvo specifiche eccezioni.

 

Le Regioni, per isolare piccoli focolai, possono a loro volta istituire micro zone rosse, circoscritte ad aree ben precise dove sono applicate regole più restrittive rispetto al resto del territorio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali