FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

TEMPO REALE

Covid, Iss: dati migliorati ma 10 Regioni ad alto rischio di epidemia non gestibile

Monito dellʼOms: "Rimanere vigili anche se i casi calano"

Scuola, contro la Dad si fa lezione in presenza davanti al portone del liceo a Firenze e Faenza

Contro la Dad alle scuole superiori i professori tengono lezioni in presenza davanti ai portoni degli istituti, da settimane sbarrati agli studenti per l'emergenza coronavirus. E' accaduto in mattinata a Firenze e a Faenza (Ravenna), per iniziativa del movimento "Priorità alla scuola", che unisce docenti, allievi e genitori. Così nell'ambito del progetto "Docenti in presenza. I wanna school for future", alle 9.30 si è tenuta la prima lezione all'aperto di Fisica della professoressa Maria Angela Vitali, che per un'ora, davanti a uno gruppetto di studenti del Liceo scientifico Castelnuovo di Firenze, ha spiegato "Il contributo alla fisica di Stefan Boltzmann a cavallo tra '800 e '900". Dalle 12 alle 12.45 è stata la volta, anche con diretta Facebook, della lezione di Storia su "Stefan Zweig, Momenti fatali: Wilson fallisce. Il trattato di Versailles", tenuta dalla professoressa Gloria Ghetti per gli studenti del Liceo Torricelli Ballardini di Faenza (Ravenna). La protesta si sposterà a Roma, davanti a Montecitorio

Nel monitoraggio della settimana 4-17 novembre dell'Iss, i dati migliorano ma l'Rt sui casi sintomatici è ancora sopra 1. Un'incidenza ancora "troppo elevata", sottolinea l'Istituto, e per questo bisogna evitare un "rilassamento prematuro delle misure". Secondo il monitoraggio, dieci Regioni sono ancora ad alto rischio di epidemia non gestibile, le altre a rischio moderato. L'Oms: "Rimanere vigili anche se i casi calano".   CLICCA E LEGGI >> Lombardia, Calabria e Piemonte passano a zona arancione | Liguria e Sicilia diventano gialle

  • 27 nov

    Iss: in 12 Regioni Rt sopra 1, Lombardia e Toscana 1,24

    Dodici regioni con indice di trasmissibilità Rt sopra a 1. In testa Lombardia e Toscana con 1,24. Seguono il Veneto con 1,23, la Basilicata con 1,22, il FVG con 1,17, il Molise con 1,12, l'Abruzzo e l'Emilia Romagna con 1,11, la Puglia con 1,06, la Sicilia 1,05, la Provincia Autonoma di Bolzano con 1,03, e la Valle dAosta con 1,01. Questi i dati contenuti nel Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020) relativi alla settimana 16-22 novembre 2020 (aggiornati al 25 novembre 2020), su una media di 14 giorni. Il Lazio è a 0,96, la Calabria e la Campania 0,94.

  • 27 nov

    Da Confcommercio la campagna #comprosottocasa - VIDEO

  • 27 nov

    Coronavirus, la situazione nel mondo - VIDEO

  • 27 nov

    I dati migliorano ma non è "liberi tutti" - VIDEO

  • 27 nov

    Covid, Oms: rimanere vigili anche se i casi calano

    Anche se i Paesi vedono un calo dei casi di coronavirus, devono rimanere vigili. Lo ha detto Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell'Organizzazione mondiale della sanità per il Covid-19 nel consueto briefing virtuale a Ginevra. "E' in nostro potere mantenere bassa la trasmissione", ha aggiunto sottolineando che "abbiamo visto decine di Paesi dimostrarci che il virus può essere portato sotto controllo e tenuto sotto controllo".

  • 27 nov

    Ordinanza Speranza: arancione Calabria, Lombardia e Piemonte

    La nuova ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, dispone l'area arancione per le Regioni Calabria, Lombardia e Piemonte e l'area gialla per le Regioni Liguria e Sicilia. L'ordinanza sarà in vigore dal 29 novembre. CLICCA E LEGGI

  • 27 nov

    Coronavirus, Fontana: Lombardia in zona arancione da domenica

    "La zona arancione" in Lombardia "viene dichiarata da oggi, domani l'ordinanza viene pubblicata sulla Gazzetta ufficiale e per una questione burocratica si parte da domenica". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante un punto stampa a Palazzo Lombardia.

  • 27 nov

    In Italia 28mila nuovi casi in 24 ore, 827 i morti

    Sono 28.352 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Lo riporta il bollettino del ministero della Salute. Le vittime sono 827. Gli attualmente positivi scendono di 7.952 unità, mentre i guariti o dimessi sono 35.467. Leggi l'articolo e guarda la mappa e i grafici interattivi

  • 27 nov

    Nessun decesso in Valle d'Aosta in 24 ore

    Si interrompe la catena di decessi per il coronavirus in Valle d'Aosta: nelle ultime 24 ore non è stato registrato alcun morto. E' la prima Regione in Italia dove non si hanno vittime nella seconda fase della pandemia Dall'inizio sono decedute in Valle d'Aosta per Covid 302 persone, di cui 156 solo nella seconda ondata.

  • 27 nov

    Iss, bozza: i dati migliorano, ma l'incidenza resta elevata

    La velocità di trasmissione dell'epidemia in Italia sta rallentando e ha raggiunto livelli di Rt vicini a 1 in molte Regioni/Province autonome. Inoltre, per la prima volta da molte settimane, l'incidenza calcolata negli ultimi 14 giorni è diminuita a livello nazionale Sono stai incoraggianti e segnalano l'impatto delle restrizioni delle ultime settimane. L'incidenza rimane tuttavia elevata per permettere  una gestione sostenibile, pertanto sarà necessario raggiungere livelli di trasmissibilità significativamente inferiori a 1. E' quanto si legge nella bozza del monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali