FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, spiagge a numero chiuso e prenotazioni con l'app

Diverse le ipotesi a cui stanno lavorando Regioni e proprietari di stabilimenti per evitare assembramenti sui lidi

Grecia, mare, spiagge, isole, Mar Egeo, Mar Iono, Peloponneso

Come sarà l'estate in spiaggia in tempo di coronavirus? In attesa di mettere in pratica l'idea di pareti in plexigas (ipotesi che non piace a molti, a dire la verità) per distanziarsi su un lido affollato e ritagliarsi il proprio spazio di almeno un metro, in molte Regioni si valutano altre soluzioni, dall'accesso a numero chiuso a posti sotto l'ombrellone prenotati con un'app.

In Abruzzo un'app, appunto, gestirà il flusso di turisti per evitare pericolosi assembramenti: ognuno potrà scegliere l'ora e e il proprio ombrellone  e quante persone vi saranno. In Puglia, a Porto Cesareo, la spiaggia è stata recitanta con corde e picchetti in modo da creare spazi, per ogni turista, di 10 metri.

 

Estate col Covid-19, i box in plexiglass per le spiagge

 

Anche nel Lazio stanno pensando a un numero chiuso per accedere al mare, oltre all'invio di vigilantes per il controllo. Il Veneto, invece, ha elaborato un piano in 18 punti, che prevede spiagge in sicurezza grazie a prenotazioni online, divieti di assembramenti e lidi presidiati. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali