FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus scuola, un prof su tre non vuole fare i test sierologici

Screening previsto dal 24 agosto al 7 settembre per 2 milioni di lavoratori. I test sono su base volontaria

 scuola, azzolina, milano

Si registrano le prime difficoltà per lo screening, previsto dal 24 agosto al 7 settembre, per 2 milioni di lavoratori della scuola. Un terzo dei professori, infatti, si rifiuta di fare i test sierologici, che sono su base volontaria. Difficoltà organizzative anche per i medici di famiglia che rinviano alle Asl o per i kit arrivati incompleti.

In alcune Regioni, intanto, sono arrivati i primi dati sui risultati: 16 professori positivi in Veneto, 12 in Lombardia (tra Varese e Como), 20 in Umbria, 4 in Trentino. Questi docenti, secondo il protocollo stilato dal ministero della Salute. saranno in isolamento volontario in attesa del tampone.

 

 

Il ministro Azzolina visita una scuola di Milano, aule già pronte per la didattica post-Covid

Il ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina, ha visitato l'istituto comprensivo Riccardo Massa, nella periferia nord-ovest di Milano. Ad accoglierla il dirigente scolastico, Milena Piscozzo, e il dirigente dell'Ufficio scolastico regionale, Augusta Celada. Il ministro ha fatto un giro delle aule, già predisposte per la riapertura in sicurezza il 14 settembre. Ad attendere la Azzolina anche un gruppo di rappresentanti del "Comitato priorità alla scuola", che hanno espresso preoccupazione per la ripartenza.  

 

Dubbi da parte del presidente dei presidi nel Lazio, Mario Rusconi: "Bisognava fare test obbligatori, anche agli studenti del triennio delle superiori: è stato un clamoroso errore renderli facoltativi. Bastava un provvedimento del governo, come ne sono stati fatti molti altri in questi mesi".

 

Miozzo (Cts): "Avrei reso obbligatori test ai prof" "Avrei reso obbligatori i test sierologici ai docenti questo in virtù della certezza propria e di chi sta attorno per un senso di responsabilità. E' una procedura invasiva che deve avere un percorso normativo, ma siete voi i rappresentanti del parlamento". Lo ha detto in Commissione Istruzione alla Camera il coordinatore del Cts Agostino Miozzo. "Nel corso dell'anno scolastico abbiamo immaginato ci siano dei cluster, dei campioni sia per docenti che per gli studenti. E' una raccomandazione che il comitato ha già immaginato di poter dare e sostenere". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali