FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

TEMPO REALE

Coronavirus, Franceschini: "Un dolore lo stop a cinema e teatri ma prima la salute"

Cresce ancora il numero dei contagi. E non solo in Italia: sono 11.176 i nuovi casi confermati di Covid in Germania, un dato che porta il totale a 429.181

Milano, riapre l'ospedale Covid in Fiera: arrivano i primi pazienti

"L'ospedale in Fiera riapre con i primi pazienti. Speravo di non doverlo utilizzare ma è in funzione da oggi per cercare di togliere pressione agli ospedali" sul territorio. Lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana precisando che "così togliamo la pressione eccessiva sulle terapie intensive. Sarà solo dedicato ai malati Covid e sarà di grande aiuto per alleviare" il lavoro degli ospedali locali.
 

Il premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm con le misure restrittive anti-Covid, tra le quali la chiusura alle ore 18 di tutti i ristoranti, bar e gelaterie e lo stop a cinema e teatri. Il ministro Franceschini: "E' un dolore ma prima la salute". Sul fronte dei ristori, il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, afferma: "Attenzione, abbiamo ancora 12mila persone che aspettano da maggio la Cig erogata dallo Stato".

  • 25 ott

    No a chiusure, centinaia in piazza a Napoli

    Alcune centinaia di persone si sono radunate a Napoli per protestare contro i provvedimenti del governo e della Regione Campania, che prevedono, per contrastare il coronavirus,  la chiusure dei locali alle 18 e lo stop ad alcune attività, come le palestre. "Due metri di dissenso, prima sostegno e poi lockdown" è lo slogan che si legge in uno striscione. L'area, nel quartiere Vomero, è presidiata da molte camionette delle forze dell'ordine. 

  • 25 ott

    Di Maio: "Situazione in Europa grave, l'Italia sta prevenendo"

    "Sono d'accordo con le misure prese perché guardo la curva dei contagi in tutta Europa, questa volta l'Italia è il Paese con meno contagi" noi "dobbiamo anticipare le mosse adesso per evitare che la curva arrivi al milione", come in Francia e Spagna. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, sottolineando che "per questo sono necessarie misure più stringenti". 

  • 25 ott

    Spadafora: "Dovevamo prendere misure diverse in estate"

    "Le decisioni drastiche prese in primavera ci hanno difeso, ma devo dire che le misure pensate durate l'estate per prevenire la seconda ondata, da governo, Regioni e parte dei cittadini non hanno avuto l'effetto che aspettavamo, specie sul fronte trasporti e della tenuta del sistema sanitario". Così il ministro per le Politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, sottolineando che "dobbiamo fare autocritica, dovevamo prendere misure con effetti diversi".

  • 25 ott

    De Luca: "Scuola tra più grandi vettori contagi"

    "Sulla scuola continuiamo a balbettare, il mondo della scuola è oggi piaccia o meno uno dei vettori più grandi di contagio nelle famiglie". Lo ha detto il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. "Abbiamo fatto un raffronto nelle due settimane prima dell'apertura dell'anno scolastico e nelle due settimane successive - spiega -. Nelle due settimane successive il contagio è aumentato sulla popolazione complessiva di tre volte e sulla fascia d'età da 0 a 18 anni di 9 volte e con un dato estremamente preoccupante, la fascia di età del contagio è esattamente identica per quella 0-5 e per quella 15-18 anni".

  • 25 ott

    De Luca: "Dpcm è passo avanti ma non basterà"

    Per il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, il dpcm "è un passo in avanti ma non è sufficiente, non basterà". "Potevamo fare due scelte: o chiudere tutto per un mese oppure prendere ancora misure intermedie. Il governo ha scelto la seconda strada", ha aggiunto.

  • 25 ott

    Bonaccini: "Alcune restrizioni del dpcm non coerenti"

    "Il dpcm contiene molte nuove restrizioni, alcune delle quali forse non pienamente coerenti tra loro. Sulle modalità di alcune chiusure ritengo non vi sia stato sufficiente ascolto delle proposte che abbiamo avanzato come Regioni, ma è il momento dell'unità e non aggiungo le mie considerazioni, che ora sarebbero inutili e fonti solo di altrettanto inutili polemiche". Lo dice, con un postl, il presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini.

  • 25 ott

    Zaia: "Abbiamo chiesto delle modifiche, ma non ci hanno ascoltati"

    La Regione Veneto "ha chiesto di modificare il dpcm e di ascolto non ce n'è stato". Lo ha detto il governatore Luca Zaia, aggiungendo: "E lo dice uno che è sempre stato solidale, ma di fatto il governo ha scelto di percorrere questa strada da solo, approvando il dpcm senza accogliere la minima modifica richiesta dalle Regioni". Zaia si poi detto "convinto, con una punta di scetticismo, che la curva di contagi con le misure che si sono prese non avrà tutte queste modificazioni. Staremo a vedere, il tempo sarà galantuomo".

  • 25 ott

    Gualtieri: "Il prossimo indennizzo sarà maggiore, forse entro metà novembre"

    "Daremo un indennizzo superiore a quello ricevuto la volta scorsa. Perché sappiamo che anche i mesi scorsi sono stati mesi difficili". Lo ha annunciato il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, specificando che il governo lavora affinché gli indennizzi "arrivino il più presto possibile. Pensiamo che l'Agenzia delle Entrate possa erogarli già entro metà novembre, forse persino entro l'11 novembre". Le aziende interessate dai ristori "sono oltre 300mila, forse 350mila".

  • 25 ott

    Campania, De Luca conferma la didattica a distanza

    All'infuori di nidi e asili (0-6 anni), la Campania conferma le disposizioni regionali sulla didattica a distanza nella scuola primaria e secondaria, salvi i progetti per alunni con disturbo dello spettro autistico e/o gli alunni diversamente abili, nonché le disposizioni regionali vigenti per la didattica a distanza nelle università. E' quanto ha disposto il governatore Vincenzo De Luca, firmando la nuova ordinanza.

  • 25 ott

    Record di nuovi casi in Francia: oltre 52mila

    E' record di nuovi contagi di coronavirus in Francia: nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati oltre 52mila. Lo ha annunciato il ministero della Sanità transalpino. Il totale dei casi nel Paese sale così a 1.138.507, con un tasso di positività dei test al 17%. I decessi in un giorno sono stati 116, portando il totale a 34.761.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali