FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, le escort disoccupate chiedono il bonus da 600 euro

Dovendosi adattare alla quarantena, molte hanno iniziato a offrire videochat ai clienti. Altre si sono viste però costrette a chiedere aiuto ad associazioni benefiche o allo Stato

 sesso soldi escort protituzione prostituta prostitute online camgirl

La crisi economica determinata dalla diffusione del coronavirus coinvolge anche il mondo delle escort. Dovendosi adattare alla quarantena, molte hanno iniziato a offrire videochat ai clienti. Altre, però, ha chiesto aiuto allo Stato: il 12% ha infatti presentato domanda all'Inps per il bonus da 600 euro. Lo riporta Escort Advisor, il sito di recensioni di escort più visitato in Europa con oltre due milioni di utenti mensili solo in Italia.

Altre professioniste italiane si sono invece viste costrette a chiedere aiuto ad associazioni ed enti come la Caritas per riuscire a sopravvivere. Durante l’anno in media lavorano online circa 120mila escort in Italia, e i mesi più redditizi sono aprile, maggio e ottobre.

 

Un sondaggio realizzato da Escort Advisor tra le escort professioniste mostra che il 46% ha detto assolutamente non farà richiesta all’Inps o ad altri enti perché non ne ha bisogno, mentre il 28% pensa che se la crisi durerà pochi mesi se la caverà. Il 14% non esclude che debba chiedere aiuto a partire dal prossimo mese e il 12% si è visto costretto a chiedere aiuto per riuscire a sopravvivere, anche se nutre seri dubbi che possa ricevere questo aiuto (visto il lavoro da documentare).

 

Il sito pubblica anche interviste realizzate ad alcune escort, che rivelano un quadro abbastanza eterogeneo. Si va infatti da Rossana, escort di Firenze, che evidenzia come la categoria "sia stata abbandonata a se stessa e lasciata indietro dallo Stato", a Chiara, alla quale "non manca niente" perché ha risparmi da parte e, soprattutto, perché possiede tutto l'occorrente per lavorare in smart working.

 

"Sono particolari anche le cene a distanza - ha raccontato Chiara - perché i miei clienti mi mostrano le loro abitazioni e i panorami dai loro balconi. Ho condiviso un brunch virtuale con vista sul Colosseo, sorseggiato caffè in un appartamento con vista sul Lago di Como e organizzato un aperitivo sexy con una coppia anticonformista nel cuore di Dubai".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali