FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, italiani in viaggio: le misure e i divieti Paese per Paese

Si moltiplicano i Paesi che sconsigliano di recarsi nelle aree a rischio o che adottano misure precauzionali per chi arriva da Veneto e Lombardia

Da Israele all'Irlanda fino a Francia e Gran Bretagna. Si moltiplicano i Paesi che sconsigliano di recarsi nelle aree a rischio d'Italia - il Paese europeo con il maggior numero di casi di coronavirus e il terzo al mondo - o che adottano misure precauzionali per chi arriva da Veneto e Lombardia. Ecco le restrizioni adottate dai Paesi. 

Dal 25 febbraio, la Gran Bretagna impone "l'auto-isolamento" per 14 giorni a scopo precauzionale a tutti coloro che arrivano arrivano dal Nord Italia (a nord di Pisa, Firenze e Rimini) e presentino sintomi "anche leggeri" d'un potenziale contagio da coronavirus. E la quarantena obbligata anche senza sintomi di sorta, per lo stesso periodo di tempo, per tutti coloro che arrivino dai paesi della Lombardia e del Veneto isolati su decisione del governo italiano.

 

In Francia, i bambini e i ragazzi che hanno trascorso le vacanze in Lombardia o Veneto - rientrando a scuola dopo due settimane - sono stati invitati dal provveditorato a rimanere a casa. Mentre il governo ha emesso una serie di "raccomandazioni" per chi rientra dalle due regioni italiane, invitando ad evitare "di uscire di casa se non è indispensabile" e ai turisti francesi di non andare nelle regioni del nord Italia.

 

In Croazia, Slovenia, Grecia e Serbia, il primo provvedimento è stato di sospendere le gite scolastiche in Italia. La compagnia greca Aegean intanto ha fatto sapere che i suoi voli da e per l'Italia non subiranno variazioni, ma se qualcuno desidera cancellare il viaggio sarà rimborsato.

 

Serbia e Irlanda hanno sconsigliato di recarsi in aree a rischio in Italia. Il governo irlandese sta ancora "valutando" eventuali provvedimenti per la partita del Sei Nazioni di rugby Irlanda-Italia a Dublino il 7 marzo In Olanda il ministero degli Esteri ha aggiornato i consigli di viaggio sull'Italia, raccomandando di non recarsi in vari posti nel nord del Paese vicino a Milano.

 

Anche la Spagna ha inserito l'Italia tra le mete verso le quali raccomanda di non effettuare viaggi non necessari. A Praga, capitale della Repubblica Ceca, per gli arrivi dall'Italia viene riservato un gate dedicato con screening mirato e misure igieniche aumentate. 

 

Le autorità sanitarie della Federazione croato-musulmana, una delle due entità che compongono la Bosnia-Erzegovina chiede di evitare i viaggi anche in Italia, oltre che in in Cina, Corea del sud e Iran. 

 

In Israele il ministero degli Esteri ha pubblicato un avviso in cui sconsiglia agli israeliani di recarsi in sette regioni del Nord Italia.

 

Il Kuwait ha sospeso tutti i voli da e per l'Italia, la Corea del Sud e la Thailandia, a causa del diffondersi dell'epidemia di coronavirus in questi tre Paesi. Tutti gli stranieri che hanno visitato questi Stati nelle ultime due settimane non potranno entrare in Kuwait. E non verranno emessi nuovi visti. Per i kuwaitiani di rientro sarà necessaria una quarantena.

 

La Giordania ha comunicato di aver deciso il divieto di ingresso nel Paese ai viaggiatori provenienti dall'Italia per l'emergenza coronavirus. Il Regno hascemita ha già  proibito l'ingresso ai viaggiatori provenienti da Cina, Corea del Sud e Iran. 

 

Anche le Seychelles, paradiso delle vacanze, chiudono le frontiere agli italiani. In particolare, "le autorità locali hanno vietato a tutte le compagnie aeree con voli diretti alle Seychelles di imbarcare passeggeri che siano stati in Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni. Analogamente, i passeggeri che arrivano via mare non potranno sbarcare se sono stati Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali