FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, "in Italia 6 milioni di contagiati": uno studio rivela che potrebbe essersi infettato il 9,8% della popolazione

Secondo l'Imperial College di Londra, quindi, i numeri che ogni giorno comunica la Protezione Civile potrebbero essere decisamente inferiori a quelli "reali"

Più di 100mila persone (comprese vittime e guariti) hanno contratto il coronavirus Sars-Cov-2 in Italia dall'inizio dell'epidemia (101.739, per la precisione). Questi, i numeri ufficiali. Ogni giorno, alle 18, la Protezione Civile aggiorna il bilancio di contagiati, ricoverati in terapia intensiva, morti e guariti. Il timore, però, è che questo maledetto virus, che sta mettendo in ginocchio mezzo mondo, abbia fatto - e stia continuando a fare - molte più vittime di quelle "ufficiali". A suffragare questa tesi anche uno studio sull'epidemia di COVID-19 in Europa degli epidemiologi dell'Imperial College di Londra. La ricerca dimostrerebbe che la stima del numero di persone infettate in Italia a tutto il 28 marzo 2020 corrisponde al 9,8% della popolazione, quindi intorno a 5,9 milioni di casi.

I numeri, come si evince dal grafico, dimostrano chiaramente che sono Italia e Spagna i Paesi maggiormente colpiti dall'epidemia in corso, con numeri ben superiori a quelli ufficiali. In Italia sarebbe stato contagiato dal 3,2 al 26% della popolazione (di poco superiore a 60 milioni di persone). Non si può escludere, quindi, che siano addirittura 15 milioni le persone infette/infettate nel nostro Paese.

Ancor più estrema la situazione in Spagna dove - così è stato calcolato dall'Imperial College di Londra - la popolazione ammalata avrebbe raggiunto (al 28 marzo 2020) il 15% del totale (ma la percentuale potrebbe salire addirittura al 41% della popolazione totale, ovvero 46 milioni di persone).

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali