FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, i tre motivi per cui in Italia il contagio è stato record

Per gli esperti a corroborare i numeri sono stati i test a tappeto, il blocco dei voli dalla Cina e le trasmissioni negli ospedali: vediamo come

 coronavirus

Test a tappeto, blocco dei voli e trasmissioni negli ospedali: secondo gli esperti sono questi i motivi per cui in Italia, a differenza di altri Paesi europei, il coronavirus si è diffuso così velocemente facendo salire nelle classifiche il Paese che è diventato terzo al mondo per contagi. Vediamo come.

Test a tappeto Come scrive La Repubblica, che riprende la tesi di tanti esperti siamo noi a cercare i contagiati. I numeri lo dimostrano: in Francia sono stati eseguiti 300 tamponi, in Italia 3.000. Ciò vuol dire che sono stati trovati tanti falsi positivi (come il paziente di Sesto risultato negativo a un secondo test fatto all'ospedale San Raffaele e così altri casi), creando subito l'allarme, ingiustificato. Inoltre ciò crea panico e intasa le strutture, distraendo dall'unica cosa utile: tracciare i casi sospetti e isolarli. Per ultimo, il test è un business e la possibilità di speculare è una di quelle preoccupazioni sugli eccessi di atti medici che creano caos a carico del Sistema sanitario nazionale. Un business gestito dalle Regioni difficile da controllare in maniera coordinata a livello nazionale.

 

Blocco dei voli dalla Cina Un'altra concausa segnalata anche da Walter Ricciardi è stata la misura adottata dal governo di bloccare da un giorno all'altro i voli dalla Cina senza impedire però che i passeggeri facessero scalo in altri aeroporti per aggirare la misura. Se invece avessimo seguito le indicazioni dell'Oms di non bloccare i voli avremmo potuto tracciare chi rientrava dal Paese di origine dell'infezione.

 

Il contagio negli ospedali Infine, una delle evidenze del contagio è che la maggior parte dei casi è avvenuta negli ospedali dove la trasmissione avviene più rapidamente. Forse sarebbe stato necessario adottare misure di prevenzione e controllo per tutte le persone con sintomi influenzali, come quelle intraprese solo ora, sin da quando è scoppiato l'allarme coronavirus in Cina.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali